ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Emergenza migranti, servono nuove politiche di integrazione in Europa

Ocse, un milione di rifugiati in Europa nel 2015

Lettura in corso:

Emergenza migranti, servono nuove politiche di integrazione in Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Come affrontare l’emergenza rifugiati? Ogni paese europeo ha le proprie risposte, alcune più propositive di altre.

Il 2015 è stato l’anno con il maggior numero di migranti e di persone in fuga dopo la crisi della seconda guerra mondiale. La stragrande maggioranza ha trovato rifugio nei paesi in via di sviluppo, non in Europa. I rifugiati rappresentano infatti solo lo 0,3% della popolazione totale dell’Unione Europea.

L’Europa ha accolto più di un milione di richiedenti asilo lo scorso anno e quasi 200.000 finora ad ora. La maggior parte proviene da Siria, Iraq e Afghanistan.

C‘è un paese tuttavia che si distingue dagli altri: è la Germania che ha accolto mezzo milione di richiedenti asilo, accordando la protezione a circa 150.000 di loro, aiutandoli a imparare una nuova lingua e a trovare un lavoro. In poche parole parliamo di integrazione. Il punto centrale è uno solo: questi rifugiati siriani, iracheni, somali o afghani non potranno tornare nel loro paese molto presto. Dovranno restare qui in Europa.

Uno degli inviati di “Insiders”, Hans Van Der Brelie, è andato in Germania e nei Paesi Bassi, dove sono state messe in atto delle particolari strategie di integrazione. In Italia invece vedremo come il paese sta affrontando l’emergenza rifugiati.

E poi dall’Italia testimonianze di guerre e atrocità, gente costretta all’esilio. A Milano Valerie Gauriat ha incontrato alcuni psicologi che stanno aiutando queste persone a superare il trauma.

Infine Sophie Claudet ha incontrato Eugenio Ambrosi, direttore regionale per la UE dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni a Bruxelles.