ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cinema, "Papa" un film sull'Hemingway privato

Lettura in corso:

Cinema, "Papa" un film sull'Hemingway privato

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel '59 un giovane giornalista si reca a L'Avana per incontrare il suo idolo, il leggendario Ernest Hemingway. Intorno a loro sta esplodendo la Rivoluzione Cubana.

Nel ’59 un giovane giornalista si reca a L’Avana per incontrare il suo idolo, il leggendario Ernest Hemingway. Intorno a loro sta esplodendo la Rivoluzione Cubana.

La pellicola è stata scritta dall’ex reporter e corrispondente di guerra Denne Bart Petitclerc, interpretato nella storia da Giovanni Ribisi, ed è diretto da Bob Yari, alla sua seconda regia dopo Mind Games risalente al ’89.

Bob Yari: “Il film racconta la storia vera di un reporter amico di Mary ed Ernst Hemingway ha un rapporto molto stretto con loro e diventa quasi come un figlio durante gli ultimi due anni di vita di Hemingway, quando viveva a Cuba. Attraverso gli occhi di questo giovane reporter possiamo intravedere aspetti davvero privati di lui che il pubblico non avrebbe altrimenti conosciuto”.

“Papa: Hemingway in Cuba” affronta in maniera autobiografica il rapporto tra lo stesso Peticlerc e lo scrittore americano. Nel cast ci sono anche Joely Richardson e Minka Kelly, oltre a un cameo della nipote di Hemingway, Mariel.

Bob Yari: “La mancanza di infrastrutture appropriate ha reso questo film molto difficile da realizzare, anche il modo di lavorare dei cubani è molto diverso da quello negli Stati Uniti, dove la produzione può lavorare dalle 14 alle 16 ore al giorno. A Cuba la produzione è piena di talento con persone meravigliose ma i ritmi sono decisamente altri, si fanno le cose più lentamente”.

“Papa” – il nomignolo con cui Hemingway veniva chiamato – visse a Cuba tra il 39 e il 60. Si è poi tolto la vita un anno dopo nel ’61 in Idaho. Hemingway ricevette il Premio Pulitzer nel 1953 per “Il vecchio e il mare”, e vinse il Premio Nobel per la letteratura nel 1954.