ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: quasi 200 morti ad Aleppo da venerdì, De Mistura chiede aiuto a Usa e Russia

Situazione catastrofica ad Aleppo in Siria: la notte scorsa una trentina di persone ha perso la vita nei bombardamenti che hanno colpito in

Lettura in corso:

Siria: quasi 200 morti ad Aleppo da venerdì, De Mistura chiede aiuto a Usa e Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

Situazione catastrofica ad Aleppo in Siria: la notte scorsa una trentina di persone ha perso la vita nei bombardamenti che hanno colpito in particolare un ospedale, l’al-Quds, che si trova in un settore controllato dai ribelli ed è gestito con l’aiuto di Medici senza frontiere. Morto anche l’ultimo pediatra a esercitare nella zona.

Giovedì almeno altre 38 persone sono rimaste uccise a causa dei raid dell’esercito siriano e dei bombardamenti ribelli.

Il conflitto – nella città che dal 2012 è controllata in parte dai governativi e in parte dagli insorti – è ripreso venerdì scorso provocando la morte di quasi 200 persone, secondo l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani.

La tregua in vigore dal 27 febbraio è ormai in grave pericolo, come ha affermato l’inviato speciale dell’Onu Staffan de Mistura che ha invitato Stati Uniti e Russia a cooperare all’attuazione del cessate il fuoco, mentre è fallito il terzo round di negoziati: “Credo sia urgente la convocazione di un nuovo giro di colloqui nel mese di maggio, ma è ancora più urgente che la cessazione delle ostilità torni davvero al livello precedente affinché il popolo siriano consideri sostanziali le trattative”.

Per la Croce Rossa internazionale la violenza sta spingendo la popolazione di Aleppo sull’“orlo di un disastro umanitario”. Preoccupazione espressa anche da Jan Egeland, capo della task force umanitaria dell’Onu per la Siria che ha lanciato un appello per l’accesso, a maggio, a 35 zone assediate e difficili da raggiungere.