ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ginevra gela Ankara: le foto che accusano Erdogan restano in mostra

Ginevra rispedisce al mittente le critiche della Turchia. La mostra fotografica “Place des Nations, Piazza dei popoli” che accusa il Presidente Recep

Lettura in corso:

Ginevra gela Ankara: le foto che accusano Erdogan restano in mostra

Dimensioni di testo Aa Aa

Ginevra rispedisce al mittente le critiche della Turchia. La mostra fotografica “Place des Nations, Piazza dei popoli” che accusa il Presidente Recep Tayyip Erdogan per le vittime della protesta del Gezi Park 3 anni fa resterà visibile come previsto fino al 1 maggio. Le immagini sono state scattate proprio a Ginevra da Demir Sonmez, fotografo svizzero di origini curde.

“Sono scioccato ma allo stesso tempo non sono sorpreso” spiega Sonmez. “Erdogan e il suo governo non hanno tolleranza e rispetto per la libertà d’espressione e d’informazione”.

Il consolato turco aveva richiesto di rimuovere in particolare la foto che fa riferimento all’uccisione di un quattordicenne durante le proteste, con la scritta “Mi chiamo Berkin Elvan, la polizia mi ha ucciso su ordine del Premier turco”.

Guillaume Barazzone, Vicesindaco di Ginevra: “Ginevra non permetterà a nessun Paese d’avere un’influenza sulla questione. Ginevra e la Svizzera sono una città, un Paese dove vige la libertà d’espressione. Il Consiglio amministrativo, l’esecutivo della città di Ginevra confermerà questa mostra ed è fuori discussione che queste fotografie vengano ritirate”.

Le 58 immagini documentano le manifestazioni che si sono svolte nella Piazza di Ginevra antistante la sede dell’Onu in segno di protesta contro la repressione della rivolta di Ankara del 2013.