ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: l'opposizione sospende partecipazione ai negoziati

Scambio di accuse e crescendo di tensione ai negoziati inter-siriani di Ginevra, mai usciti in questi giorni dal livello dei “proximity talks”

Lettura in corso:

Siria: l'opposizione sospende partecipazione ai negoziati

Dimensioni di testo Aa Aa

Scambio di accuse e crescendo di tensione ai negoziati inter-siriani di Ginevra, mai usciti in questi giorni dal livello dei “proximity talks”, ovvero di negoziati senza incontri diretti tra le delegazioni. Dopo una giornata in cui ha incontrato prima la delegazione governativa e poi quella dell’opposizione, rappresentata da tre persone invece della quindicina delle giornate precedenti, l’inviato speciale delle Nazioni Unite, Staffan De Mistura, ha comunicato che l’opposizione chiede una pausa.
L’opposizione siriana accusa il governo di crescenti violazioni della tregua e sospende il negoziato ma resta a Ginevra per colloqui informali, De Mistura dice che i colloqui proseguono e si farà un punto venerdì, e il governo di Damasco attacca:

“L’annuncio del gruppo dell’Arabia Saudita conferma quello che avevamo già sottolineato, e cioè la volontà turco-israelo-saudita di far fallire i negoziati inter-siriani a Ginevra”, ha detto il capo-delegazione governativo riferendosi all’opposizione, che considera pilotata dai governi sunniti. “Il gruppo dell’Arabia Saudita – ha detto ancora Al Jaafari – non ha atteso più di due giorni per dimostrare le sue intenzioni, ed è la prova del fatto che questi negoziatori non hanno la volontà politica necessaria alla riuscita di questo dialogo in modo serio e responsabile”.

L’inviata di Euronews:
“Ora c‘è da chiedersi se la decisione dei delegati dell’opposizione di rinviare i negoziati sia davvero l’inizio della fine del processo di pace qui a Ginevra. Una pace che molti siriani speravano di poter raggiungere nei corridoi delle Nazioni Unite, per mettere fine alle loro sofferenze”.