ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il "dopo Panama Papers". Proposte, reazioni e problemi (a mente quasi fredda)

I Panama Papers hanno dominato i titoli della settimana, con sempre nuovi nomi e nuovi dettagli, giorno dopo giorno. La scorsa settimana ci siamo

Lettura in corso:

Il "dopo Panama Papers". Proposte, reazioni e problemi (a mente quasi fredda)

Dimensioni di testo Aa Aa

I Panama Papers hanno dominato i titoli della settimana, con sempre nuovi nomi e nuovi dettagli, giorno dopo giorno. La scorsa settimana ci siamo concentrati sulle pratiche emerse dalle carte dello studio Mossack Fonseca. Ora guardiamo invece alle conseguenze.

Caccia agli evasori e operazioni trasparenza

I Panama Papers hanno riacceso i riflettori sui paradisi fiscali e la caccia mondiale agli evasori è ufficialmente partita. i politici hanno dovuto pronunciarsi, spiegando perché i loro nomi emergessero dalle carte o vi fossero in qualche modo legati: c‘è chi ci ha rimesso la testa, come il Primo ministro islandese, o chi ha pubblicato le proprie dichiarazioni dei redditi, come il premier britannico David Cameron.

I piani di Schäuble e della Commissione Europea

Mentre il Ministro delle finanze tedesco Schäuble presenta un suo piano in dieci punti, a contrastare l’evasione fiscale, ma delle multinazionali, sta intanto provando anche la Commissione Europea. Senza però dimenticare che una parte delle pratiche emerse dai Panama Papers, anche se moralmente reprensibili, sono del tutto legali perché non configurano “evasione”, ma “elusione” fiscale. Una differenza di peso, che proviamo a spiegarvi.