ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Registro dati passeggeri aerei alla tappa finale

Dopo anni di dibattito, il registro dei dati dei passeggeri aerei arriva alla tappa finale, con voto previsto giovedì all’Europarlamento. Se

Lettura in corso:

Registro dati passeggeri aerei alla tappa finale

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo anni di dibattito, il registro dei dati dei passeggeri aerei arriva alla tappa finale, con voto previsto giovedì all’Europarlamento. Se approvato, le compagnie aeree dovranno comunicare alle autorità statali itinerari e coordinate di chi vola dall’Europa all’estero, o viceversa. In primis in chiave antiterrorista per individuare i combattenti stranieri in partenza o, peggio, di ritorno.

Manuel Valls
Primo ministro francese

“Nessuno ha mai detto che questa legge avrebbe impedito gli attentati. Però, si tratta di uno strumento in più di cui ci dotiamo per essere efficienti nella lotta contro il terrorismo”.

Gli attentati a Parigi e poi a Bruxelles hanno dato una netta accelerata al dossier, che per anni è rimasto bloccato nel Parlamento di Straburgo per le preoccupazioni sulla privacy di milioni di comuni viaggiatori. Un aspetto su cui rassicura il relatore della proposta, il conservatore britannico Timothy Kirkhope.

“Gli standard di protezione dei dati personali sono altissimi, anzi probabilmente ora le informazioni sui passeggeri saranno protette meglio di prima, sia nei singoli Stati membri, sia negli scambi tra Paesi”.

Anche a un passo dal voto, non mancano le critiche. Per i detrattori, la norma difficilmente aiuterà a tracciare i terroristi che di rado viaggiano in aereo e prediligono spostamenti più fludi – via terra, in auto, mentre alcuni di loro, per rientrare dalla Siria, si sono fatti passare per profughi sbarcando sulle isole greche.

Sandor Zsiros
euronews

“È da anni che all’Europarlamento di discute se accettare o meno queste misure di sicurezza all’americana. Secondo gli esperti, anche se la legge passerà, non è chiaro quanto davvero contribuirà alla lotta al terrorismo”.