ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Panama papers. Cameron chiede scusa e ammette 'è tutta colpa mia' ma non pensa a dimettersi

Il premier britannico David Cameron, sempre più nella tempesta per i cosiddetti ‘Panama papers’, si è risolto a chiedere scusa. Ma, nel primo

Lettura in corso:

Panama papers. Cameron chiede scusa e ammette 'è tutta colpa mia' ma non pensa a dimettersi

Dimensioni di testo Aa Aa

Il premier britannico David Cameron, sempre più nella tempesta per i cosiddetti ‘Panama papers’, si è risolto a chiedere scusa. Ma, nel primo commento pubblico dopo lo scoppio dello scandalo, si è ben guardato dal mettere sul tavolo le proprie dimissioni, come ha fatto ad esempio, il collega islandese, visto poi che l’opposizione laburista non gliele ha neppure chieste.

Point of view

è tutta colpa mia, ma ho imparato la lezione

In uno stile molto british, il premier spera di cavarsela con un battuta:

Non è stata una gran settimana, avrei dovuto e potuto gestire meglio tutta la vicenda, ma ho imparato la lezione. E non date la colpa a qualche anonimo consigliere di Downing street. La colpa è mia.

Tutto nasce dal fondo di proprietà di suo padre Ian.

Cameron ha ammesso di avere beneficiato degli investimenti
offshore che proponeva, come dimostrano le carte fatte filtrare dalla Mossack Fonseca di Panama. Il capo del governo ha
assicurato che, d’ora in poi, pubblicherà la propria dichiarazione dei redditi. Ma intanto le manifestazioni contro di lui si moltiplicano e si avvicina il primo test elettorale, con il voto locale in Inghilterra.