ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Putin: "I Panama Papers sono un piano per destabilizzare la Russia"

Vladimir Putin risponde alle accuse dei Panama Papers, bollandole come un piano per destabilizzare la Russia. I documenti hanno menzionato due

Lettura in corso:

Putin: "I Panama Papers sono un piano per destabilizzare la Russia"

Dimensioni di testo Aa Aa

Vladimir Putin risponde alle accuse dei Panama Papers, bollandole come un piano per destabilizzare la Russia.

I documenti hanno menzionato due compagnie off-shore di proprietà di Sergei Roldugin, azionista di minoranza della Banca di Russia.

Ma il capo del Cremlino cita Wikileaks, secondo cui dietro lo scandalo ci sono funzionari e agenzie degli stessi Stati Uniti.

“Il Presidente della Russia – ironizza Putin – ha un amico che avrebbe fatto qualcosa di male, perché forse ci sarebbe un elemento di corruzione. Quale elemento di corruzione? Non ce ne sono. Per quanto riguarda Sergei Pavlovich Roldulgin, non è solo un musicista, ha il rango di Artista del Popolo di Russia. È azionista di minoranza di una delle aziende. Ci guadagna qualcosa, ma non sono miliardi di dollari. Questa è una sciocchezza.”

Putin ha aggiunto di essere fiero del violoncellista.

Mercoledì il fondatore di Wikileaks Julian Assange ha preso le distanze dal Consorzio Internazionale di Giornalisti Investigativi alla base dei Panama Papers, affermando che sono finanziati da USAID e da George Soros, che hanno nel mirino la Russia.