ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Paesi Bassi: un referendum sulla Ue

La posta in gioco della consultazione va oltre l'approvazione dell'accordo europeo di libero commercio con l'Ucraina

Lettura in corso:

Paesi Bassi: un referendum sulla Ue

Dimensioni di testo Aa Aa

La posta in gioco del referendum di mercoledì, nei Paesi Bassi, va al di là dell’approvazione dell’accordo europeo di libero commercio con l’Ucraina.

Gli stessi organizzatori, diversi gruppi euroscettici hanno precisato che l’accordo con Kiev è un pretesto, la consultazione è da considerarsi come un voto sull’ Unione europea.

Il referendum, il cui esito non sarà vincolante, è seguito comunque con attenzione da Kiev,che teme per l’intesa entrata in vigore il primo gennaio, costata cara al Paese.

Firmata nel 2014, alla fine di una nuova rivoluzione simil-arancione che costrinse alla partenza il presidente filo russo Victor Yanoukovic, l’intesa ha spaccato la società ucraina, portando alla guerra civile.

L’Ucraina resta una terra di mezzo, attraverso cui Unione europea da un lato e Federazione russa dall’altro giocano una partita più ampia.

Parlando di Russia e Ucraina, gli olandesi tornano con la memoria all’abbattimento del Boeing 777della Malesia Airlines, nel luglio del 2014, sui cieli ucraini, abbattimento che costò la vita a 193 concittadini. Vittime collaterali della guerra civile del Paese, che in Olanda, giurano, non influenzerà il voto.

I gruppi euroscettici vogliono scuotere i palazzi di Bruxelles, chiedendo un’ Europa che dia più peso ai suoi cittadini. E d’altra parte hanno già dato prova di volontà riuscendo a raccogliere 450 mila firme, ce ne vogliono almeno 300 mila, e a accordo già ratificato dal governo.

La forza degli euroscettici nei Paesi Bassi non è una novità, già nel 2005 riuscirono a respingere il progetto di Costituzione europea sempre con un voto referendario.

Oggi, a 11 anni di distanza, fanno sentire ancora la propria voce. Se vince il no, il governo si troverà in una situazione imbarazzante, visto che i Paesi Bassi ricoprono peraltro la presidenza di turno del club dei 28.

L’esito negativo non sarà meno pesante per Bruxelles.