This content is not available in your region

Attico Bertone: la magistratura vaticana indaga (ufficiale)

Access to the comments Commenti
Di Euronews  Agenzie:  Ansa
Attico Bertone: la magistratura vaticana indaga (ufficiale)

<p>Il chiacchierato attico in Vaticano del cardinale Tarcisio Bertone finisce al centro di un’inchiesta della magistratura d’Oltretevere.</p> <p>Il Tribunale del Papa ha aperto un’indagine sui lavori di ristrutturazione del maxi-appartamento all’ultimo piano di Palazzo San Carlo – a pochi metri da Casa Santa Marta dove abita il Pontefice. Sarebbero stati finanziati con fondi dell’Ospedale pediatrico Bambin Gesù. I giudici hanno iscritto nel registro degli indagati due persone: Giuseppe Profiti, ex presidente del Bambin Gesù e dell’omonima Fondazione, manager sanitario vicinissimo all’ex segretario di Stato, e l’ex tesoriere Massimo Spina.</p> <p>Si è voluto puntualizzare che il cardinale non è indagato (anche perché un cardinale può essere giudicato solo da suoi pari, ovvero altri cardinali). I reati contestati ai due ex manager al momento sarebbero peculato e uso illecito di fondi in denaro. </p> <p>Il settimanale l’Espresso ha però pubblicato <a href="http://espresso.repubblica.it/archivio/2016/03/31/news/vaticano-inchiesta-attico-bertone-espresso-mostra-le-lettere-che-lo-inchiodano-1.256129"><strong>lettere e documenti</strong></a> che inchioderebbero, secondo la rivista, l’ex segretario di Stato della Santa Sede. </p> <p>Secondo una lettera firmata del 7 novembre 2013, sarebbe stata invece la fondazione ad offrire al cardinale di pagare (tramite la onlus dedicata ai bambini malati) i lavori dell’attico di residenza in cambio di ospitare «incontri istituzionali» nella casa.</p>