ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egypt-Air. Passeggeri ed equipaggio rientrati al Cairo dopo dirottamento su Cipro

Il peggio è passato, il terrorismo internazionale sembra non avere nulla a che fare con il dirottamento del volo Egypt-Air, ma le ripercussioni per

Lettura in corso:

Egypt-Air. Passeggeri ed equipaggio rientrati al Cairo dopo dirottamento su Cipro

Dimensioni di testo Aa Aa

Il peggio è passato, il terrorismo internazionale sembra non avere nulla a che fare con il dirottamento del volo Egypt-Air, ma le ripercussioni per l’Egitto non per questo sono meno gravi.

Dopo il dirottamento a Cipro dell’Airbus A320 i 55 passeggeri e i membri dell’equipaggio sono atterrati al Cairo con un volo inviato dal governo egiziano. E si sono lasciati travolgere dall’euforia dello scampato pericolo.

“Grazie a Dio siamo sani e salvi, con tutti i passeggeri. Il dirottatore è stato arrestato ed è finita, grazie a Dio” è stata la reazione a caldo del pilota.

Il dirottatore, Seif al-Din Mohamed Mostafa, 58 anni, indossava una cintura esplosiva che secondo gli inquirenti era falsa. Un uomo psicologicamente instabile che ha fornito diverse versioni per spiegare il suo gesto, tra cui la volontà di consegnare una lettera all’ex-moglie all’aeroporto di Larnaca, nel Sud di Cipro.

È lì che ha permesso agli ostaggi di scendere dall’aereo prima di consegnarsi alla polizia. Le autorità egiziane hanno diffuso un video in cui il sospetto viene controllato all’imbarco ad Alessandria. Ma non è certo che questo possa essere sufficiente a placare le polemiche sulla sicurezza degli aeroporti egiziani.

Il dirottamento ha avuto addirittura una deriva paradossale, quando l’uomo che ancora indossava la (falsa) cintura esplosiva ha posato per una foto accanto ad uno dei passeggeri sequestrati (un cittadino britannico di 27 anni).

Secondo la testimonianza di un italiano che si trovava a bordo del volo (testimonianza raccolta dal quotidiano La Repubblica), il dirottatore era palesemente una persona bisognosa di assistenza psicologica, che si esprimeva con “la bocca impastata”. L’uomo avrebbe a più riprese tranquillizzato i passeggeri assicurando che sarebbero tornati a casa.