ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Abdeslam voleva farsi esplodere allo Stade de France

È nel carcere di Bruges la nuova collocazione di Salah Abdeslam. Dopo essersi nascosto per mesi in una cantina a 500 metri dalla casa dei genitori a

Lettura in corso:

Abdeslam voleva farsi esplodere allo Stade de France

Dimensioni di testo Aa Aa

È nel carcere di Bruges la nuova collocazione di Salah Abdeslam.
Dopo essersi nascosto per mesi in una cantina a 500 metri dalla casa dei genitori a Molenbeek, e dopo aver passato una notte piantonato nell’ospedale Saint-Pierre, è comparso davanti al giudice istruttore a Bruxelles ed è stato incriminato per “omicidi di stampo terroristico e partecipazione ad attività di gruppo terroristico”.

A Parigi, il procuratore François Molins ha dichiarato: “Salah Abdelslam ha ammesso, durante l’interrogatorio degli inquirenti belgi, che ‘voleva farsi esplodere allo Stade de France’, ma che ha fatto ‘marcia indietro’. Queste sue prime dichiarazioni devono essere prese con cautela e lasciano aperta una serie di domande per cui Salah Abdeslam dovrà dare spiegazioni.”

Per questo Parigi chiede che Abdeslam sia trasferito in Francia.

Il suo avvocato, Sven Mary, dichiara che il suo assistito intende collaborare con la giustizia belga, ma aggiunge: “Abbiamo rifiutato l’estradizione in Francia, perché credo che ci sia un’inchiesta in Belgio che deve essere gestita per prima. Abdeslam deve potersi spiegare e l’estradizione in Francia deve essere sospesa durante lo sviluppo dell’indagine in Belgio.”

Per accelerare invece la consegna di Abdeslam, Parigi ha emesso un nuovo mandato d’arresto europeo. Il Belgio dovrà rispondere alla richiesta francese entro tre mesi.