ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da Dolly Parton ad Aubrie Sellers, il country di ieri e di oggi

Lettura in corso:

Da Dolly Parton ad Aubrie Sellers, il country di ieri e di oggi

Dimensioni di testo Aa Aa

La leggenda del country statunitense, Dolly Parton, a settanta anni, continua a far sognare il suo pubblico. E’ di pochi giorni fa l’annuncio della

La leggenda del country statunitense, Dolly Parton, a settanta anni, continua a far sognare il suo pubblico. E’ di pochi giorni fa l’annuncio della pubblicazione dell’album “The Complete Trio Collection” insieme alle amiche e colleghe di sempre: Linda Ronstadt e Emmylou Harris.

Nel disco una raccolta dei loro successi oltre a venti tracce registrate negli anni ’90 e ’90 e mai pubblicate prima. “Abbiamo registrato tanti di quei pezzi, anni fa. Erano prove. Non andavano da nessuna parte. Abbiamo registrato ancora per anni. Ci siamo ritrovate con tantissimo materiale che era stato lasciato nel cassetto. Potevamo incontrarci e registrare due, tre cose diverse allo stesso momento” spiega la Parton.

Il sodalizio artistico tra Dolly Parton, Linda Ronstadt e Emmylou Harris è iniziato negli anni ’70. Il primo album del trio è stato registrato nel 1987 e ha venduto oltre tre milioni di copie, vincendo 2 Grammy Awards. Il secondo album è uscito invece nel 1999. “The Complete Trio Collection” sarà invece disponibile da settembre.

Dalle legende alle nuove voci del country americano. Tra queste Aubrie Sellers. Il suo album di debutto “New city blues” unisce il country puro e duro del Texas alla scena del rock indipendente di Nashville.

“La gente mi chiede che tipo di musica faccio. Io rispondo: country. Credo, però, che sia un’etichetta un po’ stretta per il mio genere che contiene, è vero, anche altro. Per questo lo definisco spesso come del trashy country, del country sporcato da altre sonorità. Se avessi pensato al garage country, avrei comunque limitato la mia musica al rock, mentre mantengo anche molto lo stile della canzone d’autore” spiega Aubrie Sellers.

Le sono voluti anni per accreditarsi nella scena country nazionale, dove l’eco dei grandi classici è ancora forte, ma Aubrie Sellers può dire di avercela fatta.

Altro volto del country americano è Randy Houser, non esattamente l’ultimo arrivato. Pochi giorni fa è stato pubblicato il suo quarto lavoro “Fired up”.

“C‘è molto in questo disco che mi ricorda di altre cose registrate in passato. E’ una buona rappresentazione del punto dal quale sono partito e di quello dove sto andando” spiega Randy Houser.

Diciassette brani, compreso il singolo “We Went”, “Fired up” ha già ricevuto l’approvazione della critica.