ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa 2016: Trump pigliatutto, Sanders vince in Michigan, Clinton nel Mississippi

Lo schiacciasassi continua la sua avanzata. Donald Trump ha vinto le primarie repubblicane sia nel Mississippi che in Michigan, due dei 4 Stati in

Lettura in corso:

Usa 2016: Trump pigliatutto, Sanders vince in Michigan, Clinton nel Mississippi

Dimensioni di testo Aa Aa

Lo schiacciasassi continua la sua avanzata. Donald Trump ha vinto le primarie repubblicane sia nel Mississippi che in Michigan, due dei 4 Stati in cui si è votato oggi (Hidaho e Hawaii gli altri due, nei quali si sono svolti primarie e caucus soltanto per i repubblicani).

Trump, forte ormai di 14 vittorie dall’inizio della campagna per la candidatura alla Casa Bianca, ha distaccato Ted Curz di 12 punti percentuali in ciascuno dei due Stati.

“L’affluenza è stata davvero impressionante, di settimana in settimana. Sono arrivati addirittura dei democratici, un fatto molto importante, e degli indipendenti. È arrivata gente che non aveva mai votato i Repubblicani, che non ci aveva nemmeno mai pensato” ha detto Trump.

Durante uno dei suoi discorsi in Florida Trump ha lamentato le critiche ricevute dal partito repubblicano. “Non credo di aver mai sentito così tante cose orribili dette su di me in una sola settimana” ha detto Trump in riferimento all’appello lanciato da molti esponenti del Gran Old Party (Gop) affinché venga interrotta la traiettoria vincente di Trump.

Il voto in casa democratica ha riservato la gran sorpresa Bernie Sanders: il senatore del Vermont ha incassato la vittoria nello Stato del Michigan con il 50% delle preferenze lasciandosi alle spalle Hillary Clinton.

“Quel che è accaduto questa notte significa che la campagna di Bernie Sanders, la rivoluzione della gente, la rivoluzione politica di cui parliamo, è forte in ogni parte del Paese e sinceramente credo che debbano ancora arrivare le aree nelle quali saremo più forti” ha detto Sanders.

Una vittoria che del resto è soprattutto simbolica, visto che Clinton ottiene comunque il maggior numero di delegati. Nel Mississippi poi l’ex-Segretario di Stato ha ottenuto una vittoria schiacciante rispetto al suo compagno di partito: 83% delle preferenze contro il 16% di Sanders.