ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Doping, Sharapova rischia due anni di squalifica. Capriati: "Toglietele tutti i titoli"

Il giorno dopo l’annuncio di Maria Sharapova, positiva all’antidoping agli ultimi Australian Open, il mondo del tennis è ancora sotto choc. Quello

Lettura in corso:

Doping, Sharapova rischia due anni di squalifica. Capriati: "Toglietele tutti i titoli"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il giorno dopo l’annuncio di Maria Sharapova, positiva all’antidoping agli ultimi Australian Open, il mondo del tennis è ancora sotto choc. Quello della russa, cinque volte vincitrice di uno Slam, è l’ultimo caso di positività al Meldonium, medicinale utilizzato contro le cefalee ed inserito dalla Wada nella lista proibita dallo scorso primo gennaio. Sono già molti gli sportivi, soprattuto russi, pescati in fallo con questa sostanza. Nel frattempo, i social network si sono scatenati sull’argomento.

L’ex campionessa Jennifer Capriati, trovata positiva alla marjiuana oltre vent’anni fa, ha attaccato duramente la Sharapova, chiedendo di togliere tutti i titoli alla russa.

Piu’ cauta, invece, Martina Navratilova, che parla di “errore in buona fede”.

C‘è anche chi, come lo statunitense James Blake, elogia Masha per l’onestà e la trasparenza nella comunicazione.

C’era grande curiosità, infine, per capire la reazione delle colleghe. In poche si sono espresse, tra loro la numero 1 del mondo, Serena Williams, l’ultima a giocare contro la Sharapova a Melbourne. “Molta gente è stata sorpresa e scioccata da quanto è successo a Maria – ha detto Serena -. Ma allo stesso tempo credo che i tifosi siano contenti di averla vista davanti alle telecamere, ammetere onestamente l’errore. Ha avuto davvero molto coraggio”

Il Ministro dello Sport russo, Vitali Mutko, prevede altri casi di positività al Meldonium. A Mosca, in molti la pensano cosi’: “Maria non è colpevole di doping, è colpevole solo per essere in campo – ha spiegato l’ex pugile Sergey Simakov -. Tutti si dopano. Non mi vengano a dire che non prendono sostanze proibite. Sono un ex professionista, ora ho 55 anni, ma da giovane ero uno sportivo. So di cosa parlo. Se mi dicono che gli sportivi professinisti non usano doping, mi viene da ridere…”

La Sharapova, nel frattempo, attende la sanzione della ITF: la russa rischia fino a due anni di squalifica.