ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dati personali e posizione dominante, Facebook sotto accusa in Germania

Lettura in corso:

Dati personali e posizione dominante, Facebook sotto accusa in Germania

Dati personali e posizione dominante, Facebook sotto accusa in Germania
Dimensioni di testo Aa Aa

L’accusa: violazione delle leggi sulla concorrenza. Il sospettato: il più grande social network del mondo. Il mercato: quello dei dati personali. Cioè il pegno che paghiamo a Facebook per usufruire dei suoi servizi, e che viene utilizzato per attrarre gli inserzionisti.

L’antitrust tedesco è la prima autorità europea ad aprire un’indagine formale. “Gli utenti forniscono i loro dati, i quali vengono poi sfruttati da Facebook per le entrate pubblicitarie”, spiega il presidente Andreas Mundt.

Stiamo verificando, nell'ambito di un'ipotesi di abuso di posizione dominante, se gli utenti di Facebook siano adeguatamente informati su come i loro dati verranno utilizzati, per cosa e in che entità

“Stiamo verificando, nell’ambito di un’ipotesi di abuso di posizione dominante, se gli utenti che forniscono i loro dati siano adeguatamente informati su come i loro dati verranno utilizzati, per cosa e in che entità”, aggiunge Mundt.

La visita di settimana scorsa del fondatore Mark Zuckerberg non è dunque bastata per ricucire i rapporti con la Germania, dove la protezione dei dati personali è strettamente regolamentata.

Per la prima volta, spiegano gli esperti, l’enorme quantità di informazioni accumulata da un’azienda come Facebook finisce sotto la lente degli investigatori.