ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Amnesty International: 2015 annus horribilis per i diritti umani

Il 2015 annus horribilis dei diritti umani. Il mondo ha fatto segnare passi indietro secondo Amnesty International, il cui rapporto annuale mette al

Lettura in corso:

Amnesty International: 2015 annus horribilis per i diritti umani

Dimensioni di testo Aa Aa

Il 2015 annus horribilis dei diritti umani. Il mondo ha fatto segnare passi indietro secondo Amnesty International, il cui rapporto annuale mette al centro la questione siriana e il sistematico fallimento delle Nazioni Unite nel chiamare a rispondere i responsabili delle violazioni.

Conflitti, crisi umanitarie, crimini di guerra e contro l’umanità sono in crescita e allo stesso tempo si denuncia una generale indifferenza nei confronti del destino di milioni di civili vittime dei conflitti.

“Amnesty International documenta e condanna le violazioni dei diritti umani da parte di gruppi armati, Stato islamico, Boko Haram, l’Ypg il gruppo militare curdo e altri – dice Salil Shetty, segretario generale dell’organizzazione – ma le azioni di questi gruppi non possono essere usate dai governi come giustificazione per violare a loro volta i diritti umani e ottenere un vantaggio nel breve termine, che si tratti della sorveglianza di massa attuata dagli Stati Uniti, della legge contro le Ong in Russia, della Turchia o della Nigeria che usano le forze di sicurezza contro le proprie popolazioni”.

30 Stati hanno rimandato illegalmente rifugiati verso Paesi in cui sarebbero stati in pericolo, mentre i partiti xenofobi e razzisti che si fanno largo in Europa stanno causando un “degrado della politica”.

“Il blocco di Paesi più ricco al mondo, l’Europa, non è stato in grado di riunirsi e trovare un modo ragionevole e coerente per permettere alle persone in fuga da guerre e persecuzioni di entrare nel continente – conclude il segretario generale di Amnesty International, Salil Shetty – Quindi direi che, nel complesso, l’Europa ha fallito sul rispetto del diritti umani nell’emergenza rifugiati”.

L’emergenza migranti mette in secondo piano l’aumento della repressione in Cina, Egitto, Yemen e nella Striscia di Gaza. Ce n‘é anche per l’Italia, da dove partono bombe e sistemi militari destinati all’Arabia Saudita, dove perdura la discriminazione contro i rom, non è stato introdotto il reato di tortura, né è stato garantito il riconoscimento giuridico delle coppie di fatto.