ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Emergenza profughi: l'Austria avvia la stretta, Renzi "impensabile chiudere il Brennero"

Non ci sono arrivi a Spielfeld, il principale valico di frontiera tra Austria e Slovenia. Il cattivo tempo che ha interessato l’Egeo nei giorni

Lettura in corso:

Emergenza profughi: l'Austria avvia la stretta, Renzi "impensabile chiudere il Brennero"

Dimensioni di testo Aa Aa

Non ci sono arrivi a Spielfeld, il principale valico di frontiera tra Austria e Slovenia. Il cattivo tempo che ha interessato l’Egeo nei giorni scorsi frena il flusso di migranti.

Non lo frenano le parole del capo del governo di Vienna, Werner Faymann: “l’Austria ha già fatto più di quello che doveva, ora spetta agli altri fare altrettanto”, in risposta alla decisione del suo governo di ripristinare i controlli alle frontiere.

La discussione ha infiammato il vertice dei leader dell?unione europea a Bruxelles.

“Se tutti accettassero i nostri stessi numeri in relazione alla popolazione, potremmo distribuire oltre due milioni di rifugiati – sostiene il cancelliere Faymann – Quindi penso che noi non possiamo andare oltre la quota di 37.500 richiedenti asilo, altrimenti invitateli tutti in Austria, ma non funzionerà”.

Il Presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, mette in guardia sull’eventuale chiusura del Brennero, uno dei passaggi simbolici dell’Europa e il premier greco, Alexis Tsipras, minaccia di porre il veto su un eventuale accordo per evitare la Brexit, se ci saranno cambiamenti all’operatività delle frontiere.

Dall’incontro con Angela Merkel e Francois Hollande, Tsipras avrebbe ottenuto garanzie che la situazione non cambierà fino al vertice di marzo, mentre Slovenia, Serbia e Macedonia si preparano a prendere misure simili a quella dell’Austria.