ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: 6 soldati uccisi nel sud-est, Ankara accusa il Pkk

Il governo turco punta nuovamente il dito contro il Pkk e l’ala militare del partito curdo-siriano dopo l’attentato di Diyarbakir, che segue la

Lettura in corso:

Turchia: 6 soldati uccisi nel sud-est, Ankara accusa il Pkk

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo turco punta nuovamente il dito contro il Pkk e l’ala militare del partito curdo-siriano dopo l’attentato di Diyarbakir, che segue la strage di Ankara.

A colpire il convoglio militare, provocando la morte di 6 soldati a bordo, è stata una mina fatta detonare a distanza. Attacchi del genere contro i soldati sono stati compiuti diverse volte negli ultimi mesi nel sud-est della Turchia, dopo che la scorsa estate è riesploso il conflitto con i combattenti curdi.

L’attentato è avvenuto nella località di Lice, lungo la strada che congiunge Diyarbakir e Bingol. In quasi due mesi di operazioni militari a Cizre, sono 619 i membri del Pkk uccisi dalle forze di sicurezza turche nella provincia sudorientale di Sirnak.

Il conflitto siriano sta ormai esondando nel Paese di Erdogan. Le forze armate turche hanno lanciato nuovi raid aerei contro le postazioni dei militanti curdi nel nord dell’Iraq e il leader del partito filo-curdo, Selahattin Demirtas, denuncia un massacro nascosto a Cizre con almeno 224 civili uccisi.