ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: autobomba contro i militari ad Ankara, almeno 28 morti

Decine di feriti, Erdogan "la Turchia non esiterà a difendersi"

Lettura in corso:

Turchia: autobomba contro i militari ad Ankara, almeno 28 morti

Dimensioni di testo Aa Aa

Terrore ad Ankara dove un’autobomba è esplosa al passaggio di un convoglio di tre autobus di soldati turchi. Le vittime sono almeno 28, 61 i feriti. La deflagrazione è avvenuta quando a Ankara erano le 19:31, vicino al quartier generale delle forze armate e al Parlamento.

Un “atto di terrorismo” scrive su Twitter il portavoce del partito di governo Akp, formula che di prassi indica la pista del terrorismo di matrice curda. Negli ultimi mesi i vari gruppi combattenti hanno effettuato sette attacchi kamikaze.

Il presidente Recep Tayyp Erdogan ha presieduto una riunione d’emergenza e ha detto che la Turchia non esiterà a difendersi sempre, comunque e dovunque. Il premier, Ahmet Davutoglu, ha annullato il suo viaggio a Bruxelles in programma domani.

Lo scoppio ha colpito i tre veicoli militari e una vettura. L’esplosione è avvenuta a soli 300 metri circa dalla sede dello Stato Maggiore e del Parlamento. L’autobomba è stata fatta esplodere appena il convoglio militare si è fermato a un semaforo. Almeno 32 ambulanze sono state inviate sul posto.

Il Consiglio Supremo della Radio e della Tv, autorità turca per le telecomunicazioni, ha imposto ai media del paese un divieto temporaneo sulla copertura dell’attentato. Il divieto riguarda le immagini dal luogo dell’attentato e le informazioni non ufficiali.

L’esplosione avvenuta questa sera nel cuore di Ankara arriva dopo altri tre sanguinosi attacchi sferrati in Turchia dallo scorso luglio. Il 12 gennaio un’esplosione provocata da un kamikaze ha colpito piazza Sultanahmet, nel cuore della Istanbul antica, uccidendo 10 turisti tedeschi. Il 10 ottobre, durante una manifestazione per la pace ad Ankara, in un attacco sferrato da due kamikaze, 101 persone sono state uccise e 245 ferite. L’attentato terroristico, il più grave nella storia della Turchia moderna. Tre mesi prima, il 20 luglio, un attentatore suicida si è fatto saltare in aria a Suruc, uccidendo 30 giovani attivisti.