ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: secondo giorno di proteste degli agricoltori

Migliaia di persone si sono ritrovate di fronte al parlamento greco ad Atene Si tratta del secondo giorno di proteste dei lavoratori del comparto

Lettura in corso:

Grecia: secondo giorno di proteste degli agricoltori

Dimensioni di testo Aa Aa

Migliaia di persone si sono ritrovate di fronte al parlamento greco ad Atene Si tratta del secondo giorno di proteste dei lavoratori del comparto agricolo che protestano contro le misure attuate dal governo. L’intenzione dell’esecutivo di Tsipras, per venire incontro alle esigenze degli investitori internazionali, è quella di andare a toccare le pensioni e gli sgravi fiscali di cui godevano sinora gli agricoltori e che adesso dovrebbero aumentare.

I lavoratori sono furiosi: “Non vogliamo nulla che non ci spetti. Abbiamo sofferto molto fino adesso. Vogliamo vivere con dignità e che anche i nostri figli possano continuare a farlo”.

Un altro aggiunge: “È una lotta per la sopravvivenza. È duro dover andare in pensione a 67 anni. NOn bogliamo che i nostri figli debbano fare altro lontano dai campi”

Un terzo promette:“Quando la pressione fiscale arriva al 60% di quelli che sono i guadagni reali è impossible vivere del proprio lavoro. Ma continueremo a lottare non possiamo fare altro. Non c‘è altra opzione”.

Dice il nostro corrispondente: “Gli agricoltori si stanno preparando a un aumento delle proteste se non verranno ascoltate le loro richieste. Malgrado il fatto che il ministro degli interni dica che ci sono margini di discussione, gli agricoltori insistono nel chiedere che la riforma delle pensioni deve essere ritirata e che le discussioni debbono ricominciare da zero”.