ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Notizie nascoste: in arresto per un kebab, femministe contro il rimpasto francese, nelle clausole di Amazon l'apocalisse zombie

Ogni venerdì i giornalisti di tutte le lingue di euronews selezionano alcune storie, dall’Europa e dal mondo, che non hanno fatto i titoli della

Lettura in corso:

Notizie nascoste: in arresto per un kebab, femministe contro il rimpasto francese, nelle clausole di Amazon l'apocalisse zombie

Dimensioni di testo Aa Aa

Ogni venerdì i giornalisti di tutte le lingue di euronews selezionano alcune storie, dall’Europa e dal mondo, che non hanno fatto i titoli della stampa internazionale .

Operazione “antikebab” su un autobus di Berlino

Il conducente gli aveva chiesto di non farlo, ma un 57enne è voluto lo stesso salire su un autobus di Berlino mentre addentava un kebab. Alla fermata successiva, dato che si ostinava a consumare la sua cena a bordo del mezzo, l’autista ha provato a farlo scendere. Per tutta risposta l’uomo ha tentato di colpirlo. A quel punto ha ritenuto più opportuno fosse la polizia a intervenire. Nemmeno gli agenti hanno convinto con le buone il protagonista della vicenda a lasciare il mezzo pubblico. Hanno dovuto trascinare lui e il suo panino via di forza. A quel punto è scattato anche l’arresto.

Fonte


Coniglio gigante da adottare in Scozia

Atlas cerca casa. Il nome non è casuale. Si tratta di un coniglio gigante, che a sette mesi desta già una certa impressione.

Da adulto potrebbe raggiungere 1,2 metri di lunghezza. Come un cane di grossa taglia. Per sfamarlo occorreranno più di 2.000carote e 700 mele all’anno.

L’appello per l’adozione è stato lanciato dalla Spca, l’Associazione scozzese contro il maltrattamento degli animali. Con una precisazione: l’ingombrante animale deve restare in Scozia.

Fonte


Francia, contrarietà femminista al rimpasto

Il rimpasto di governo doveva essere, nelle intenzioni del primo ministro Manuel Valls, un fiore d’occhiello della parità di genere applicata nell’ambito delle istituzioni francesi. Oltre a essere allargata al partito ecologista, infatti, la compagine di governo è formata da 10 ministri uomini e 9 donne. Parità quasi perfetta replicata anche aggiungendo i sottosegretari, che portano il totale a 20 contro 19. Ma le femministe hanno avuto da ridire. Il rimescolamento fa, infatti, scomparire il ministero dei Diritti delle donne, confluito nel dicastero della Famiglia, dei bambini e dei diritti delle donne. “Una mossa retrograda” l’hanno definita.

“Fonte”: http://www.slate.fr/story/113991/parite-femmes-gouvernement


La polizia indiana arresta…una capra

Una capra, si sa, va dove c‘è l’erba. Anche se è quella del giardino di un notabile locale. Così l’animale ha ripetutamente preso di mira quella dell’abitazione di un magistrato del distretto di Korea, nello Stato del Chhattisgarh. Fino a che i poliziotti non l’hanno tratta in arresto, assieme al suo padrone. Sia l’uomo che l’animale sono stati rilasciati su cauzione, ma dovranno rispondere, secondo quanto afferma l’ufficiale della polizia Ram Sewak Kaipra, dei danneggiamenti alla proprietà.

Fonte


La verità è la fuori…davanti al teatro

Un Ufo è precipitato davanti al Teatro municipale del Pireo. A far visita al porto poco distante da Atene non sono stati, però, degli alieni, ma strateghi del marketing che hanno ritenuto di fare così promozione alla nuova serie di X-Files, tornata anche sugli schermi greci dopo 13 anni.



Fonte


Amazon e la clausola per l’invasione zombie

Amazon web services (Aws) è la piattaforma della popolare società di vendita on line per lo sviluppo di prodotti web su cloud. Di recente è stata introdotta anche la possibilità di sviluppare videogiochi, attraverso Lumberyard Materials.

Le clausole di servizio impediscono, però, che tale strumento sia usato per altri scopi. Come, ad esempio, combattimenti militari dal vivo o utilizzo di materiale nucleare. C‘è una precisa eccezione ai cavilli presenti nel corposo regolamento: l’invasione zombi.

È chiaramente riportato che la piattaforma potrà essere utilizzata in caso di un virus che fascia resuscitare morti golosi di carne umana. Come possa essere utile a contrastare una tale apocalisse, è rimesso all’inventiva dei creativi del web.

Fonte


Contro zika e dengue, comprate rane Argentine

Non è “scientificamente provato” che le rane possano essere una soluzione contro lo spauracchio del virus zika, che sta funestando il Sud America, e la non meno pericolosa febbre dengue. Notoriamente, però, i batraci mangiano zanzare e altri insetti. Così in Argentina hanno pensato bene di metterle in vendita on line a 100 pesos l’una (pari a 6 euro). Inizialmente i venditori sono stati coperti di insulti da chi li accusava di cercare di sfruttare le paure della popolazione. Sta di fatto che il commercio è decollato, specialmente dopo che le autorità hanno ammesso l’inefficacia dei pesticidi.

Fonte