ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Zika: tra quanto tempo il vaccino?

Lettura in corso:

Zika: tra quanto tempo il vaccino?

Dimensioni di testo Aa Aa

Il virus Zika è stato dichiarato emergenza globale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Quanto tempo ci vorrà per produrre un vaccino? Esistono

Il virus Zika è stato dichiarato emergenza globale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Point of view

È improbabile che un vaccino sia disponibile su larga scala prima di alcuni anni, ma di certo possiamo già fare i primi passi

Quanto tempo ci vorrà per produrre un vaccino?

Esistono già o sono in corso di sviluppo vaccini per malattie simili, come la dengue e la febbre gialla. Ma secondo gli esperti, come Anthony Fauci, direttore dello US Institute of Allergy and Infectious Diseases, questo non basta per sperare in tempi rapidi: “La buona notizia è che Zika fa parte dei flavivirus, un tipo di virus per i quali abbiamo già sviluppato con successo dei vaccini. Se dai test emerge che è una pista sicura, passeremo alla fase succeSsiva. È improbabile che un vaccino sia disponibile su larga scala prima di alcuni anni, ma di certo possiamo già fare i primi passi”.

Zika non è un virus mortale, ma lo si ritiene responsabile di casi di microcefalia in migliaia di neonati in America Latina. Gli scienziati dell’“Istituto Butantan di San Paolo”:http://www.butantan.gov.br/Paginas/default.aspx sperano quindi di trovare un modo più rapido di ottenere risultati: “Stiamo già coltivando il virus in quantità sufficienti per i primi test negli animali più piccoli, i roditori, – annuncia Jorge Kalil, direttore dell’Istituto, – per passare poi ai cavalli. Se i cavalli riusciranno a produrre anticorpi neutralizzanti in quantità sufficiente contro il virus, poi potremo purificarlo nei nostri laboratori per isolare gli anticorpi e cominciare i test sugli esseri umani”

L’epidemia, iniziata in Brasile l’anno scorso, ha spinto alla caccia al vaccino diversi laboratori, fra cui lo US Armed Forces Research Institute of Medical Sciences (Afrims), un istituto gestito congiuntamente da Stati Uniti e Tailandia. Ma il colonnello Louis Macareo non appare ottimista sui tempi: “Lo sviluppo di un vaccino attraversa un processo molto lungo e faticoso, per dimostrarne sia l’efficacia sia la sicurezza. È prematuro in questo momento fare previsioni su quanto tempo ci vorrà”.

Fra le strategie anti Zika, l’Oms ha anche insistito sulla necessità di migliori test diagnostici. Alcuni scienziati intendono inoltre concentrarsi sulla lotta alle zanzare che trasmettono la malattia.