ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Francia: sinistra divisa sulla revoca della cittadinanza


Francia

Francia: sinistra divisa sulla revoca della cittadinanza

Sulla revoca della cittadinanza, la Francia si divide.
E il ministro della Giustizia, Christiane Taubira, apertamente contraria, si dimette proprio il giorno in cui il dibattito approda in commissione.

Se al momento è la sola che ha preso una decisione drastica, non è la sola a condannare la riforma sulla sicurezza che, sostiene Taubira, va contro i valori della sinistra.

Oggi, secondo il codice di diritto civile, uno straniero che ha ottenuto la nazionalità francese può vedersela revocata se è condannato per un crimine, per atti terroristici o che comunque rechino un pregiudizio agli interessi della Francia.

(Si può essere depennati dai registri dell’esagono se si è cittadini francesi da meno 10 anni, 15 nel caso di un crimine che possa ledere un interesse fondamentale del Paese).

Gli attentati del 13 novembre hanno mostrato che a colpire al cuore il PAese sono stati i suoi stessi cittadini, da qui la riforma che prevede che possa essere revocata la cittadinanza anche a chi nato in Francia, sia francese per lo ius soli, ma abbia comunque un secondo passaparto.
Il provvedimento richiede una riforma della Costituzione e precisamente dell’articolo 34.

Una sanzione pesante, riconosce il premier Valls, ma che la Francia può infliggere legittimamente a chi tradisca i suoi valori.

Dal testo dovrebbe sparire l’aggettivo binazionale, una forma di ipocrisia dicono i più critici, perché la legge non può essere applicata a chi non abbia doppia nazionalità, perché nessuno può essere privato della propria cittadinanza.

La storia della nazionalità e della sua revoca è storia vecchia in Francia, già sei anni fa, a avanzare la proposta fu il presidente di destra Nicolas Sarkozy.

François Hollande allora rispondeva così:

“Migliorerebbe la sicurezza dei nostri cittadini? No. Risponde alla nostra storia, ai nostri valori alla nostra costituzione? Perché rimetterli in discussione allora?”.

A spiazzare la gauche francese anche il fatto che del ritiro della cittadinanza il fronte nazionale di Marine Lepen si è fatto portabandiera.

Oltre alla revoca della cittadinanza per i cosiddetti
binazionali la riforma prevede anche la revoca di alcuni diritti civili che potranno essere applicati a tutti, tra gli altri la sospensione del diritto di voto.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Stati Uniti: finisce nel sangue la rivolta dei cowboy dopo l'intervento dell'Fbi