ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: Biden "pronti a opzione militare", Casa Bianca rettifica

“Gli Stati Uniti sono pronti a una soluzione militare in Siria”. Le parole del vicepresidente Joe Biden provocano la reazione di Mosca e costringono

Lettura in corso:

Siria: Biden "pronti a opzione militare", Casa Bianca rettifica

Dimensioni di testo Aa Aa

“Gli Stati Uniti sono pronti a una soluzione militare in Siria”. Le parole del vicepresidente Joe Biden provocano la reazione di Mosca e costringono la Casa Bianca a spiegare che non c‘è alcun cambiamento nel dossier Siria. Alcune fonti diplomatiche, hanno anzi annunciato che Russia e Stati Uniti sono vicini a un compromesso per dare il via ai colloqui di pace.

Dal rappresentante di Washington è arrivato anche il sostegno alla Turchia contro il Pkk.

“Sappiamo che è meglio raggiungere una soluzione politica, ma siamo pronti – ha detto Biden – Siamo pronti, se questo non è possibile, a una soluzione militare nell’operazione di distruggere Daesh. L’Isil non è l’unica minaccia contro la Turchia, lo è anche il PKK e noi siamo consapevoli di questo”.

Restano dei punti di disaccordo tra Washington e Ankara, come la presenza delle truppe turche nel campo di addestramento di Bashiqa, nel nord dell’Iraq, di cui il governo di Baghdad chiede da settimane il ritiro. Biden ha già affrontato la questione con il premier iracheno Haider al Abadi, alla vigilia del suo arrivo a Istanbul.

“Nella due giorni di incontri di Joe Biden non c‘è solo la questione della cooperazione, ma anche le emergenze che sono venute alla ribalta – conclude il corrispondente di euronews a Istanbul, Bora Bairaktar – La Turchia critica la possibilità che gli Stati Uniti sostengano il Ypg nel nord della Siria. Anche se rimangono alcuni nodi, i due Paesi sono insieme nella lotta contro il terrore”.