ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

'Maestro Yannick' e il suo pubblico di Filadelfia

Lettura in corso:

'Maestro Yannick' e il suo pubblico di Filadelfia

'Maestro Yannick' e il suo pubblico di Filadelfia
Dimensioni di testo Aa Aa

Filadelfia, quinta città degli Stati Uniti, vanta una delle migliori orchestre americane. Alla sua testa il carismatico direttore canadese Yannick Nézet-Séguin.

A Filadelfia ho ben presto capito che tutte le mie scelte, anche molto personali, erano apprezzate: il rapporto col pubblico, con la generazione più giovane; il rispetto della tradizione, cosa che i più anziani apprezzano. Anche i musicisti sostengono e ammirano le mie scelte perché sanno che funzionano; e anche loro vogliono andare oltre quel muro che ancora esiste tra il palcoscenico e il pubblico.”

“Rittenhouse Square è per me il centro di Filadelfia, coi suoi caffè, i ristoranti, i negozi, il Curtis Institute, a due passi da casa mia e non lontano dal lungofiume, dove vado a correre: insomma, è il mio quartiere!”

Nel giro di tre quarti d’ora ho incontrato un paio di persone che mentre camminavano si sono voltate e mi hanno detto “Salve, maestro!”. Quattro ragazze che suonavano il violino per strada hanno smesso, dicendo: “È Yannick, fatti abbracciare… ah, era il sogno della mia vita!”, e ci siamo fatti una foto. Dopo, al supermercato, una persona mi ha detto: “Maestro, dovrebbe pensare a un tributo a David Bowie, sarebbe fantastico!”. Per cui, almeno dieci persone mi hanno rivolto la parola, e questa è una cosa che mi piace moltissimo di Filadelfia: qui adorano la loro orchestra, i giovani come i meno giovani, e hanno il coraggio di dirlo!”

Altro da musica