ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Trump vola nei sondaggi e allunga su Cruz: si profila a due la corsa per l'Iowa

Fra due settimane il primo voto per le primarie repubblicane. Tra il miliardario di New York e il senatore del Texas è guerra sui rispettivi luoghi di nascita

Lettura in corso:

Trump vola nei sondaggi e allunga su Cruz: si profila a due la corsa per l'Iowa

Dimensioni di testo Aa Aa

Premiato dai sondaggi, Donald Trump allunga sugli avversari e porta a casa il sesto dibattito televisivo con gli altri candidati alle primarie repubblicane.

Point of view

I rifugiati sono un cavallo di Troia per portare il terrorismo nel nostro paese

In vista del primo round in Iowa di inizio febbraio, la corsa è ormai a due con Ted Cruz, il suo avversario più accreditato, però già staccato di 13 punti.

“Non abbiamo confini – ha tuonato Donald Trump dagli studi di Charleston -. Ai nostri veterani viene riservato un trattamento ignobile. L’immigrazione clandestina è a livelli inimmaginabili. Il nostro paese è guidato da persone incompetenti. E sì, sono indignato”.

Trump ha poi ribadito di considerare i rifugiati come un cavallo di Troia per introdurre il terrorismo negli Stati Uniti e – oscurando gli altri candidati -, ha attaccato Cruz, rimproverandogli l’ineleggibilità a causa della sua nascita in Canada.

“Sapete – ha replicato il Senatore del Texas -, appena a settembre il mio amico Donald diceva che i suoi avvocati avevano esaminato la questione da tutti i punti di vista e che rispetto al mio luogo di nascita non c’era nulla da rimproverarmi. E da settembre la Costituzione non è cambiata, ma i numeri dei sondaggi sì”.

Qui un estratto del serrato confronto fra Donald Trump e Ted Cruz: battaglia sui numeri, sui rispettivi luoghi di nascita e non solo.

Se Cruz rincara poi la dose, rimproverando a Trump le sue origini scozzesi, a richiamare all’unità contro i democratici è l’ex governatore della Florida Jeb Bush.

“Possiamo battere Hillary Clinton perché è un vero disastro – ha detto -. Il nostro paese può risorgere, perché ognuno di noi è meglio di Hillary Clinton”.

Gli altri però scompaiono, schiacciati dal confronto fra Trump e Cruz: sono loro a guidare la volata verso le prime consultazioni in Iowa e New Hampshire.