ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I fatti di Colonia non riguardano soloi migranti

Cosa è accaduto in Germania? Cosa sta accadendo? Facciamo un passo indietro. La scorsa estate, il Paese, non nuovo a massicci flussi di migranti, ha

Lettura in corso:

I fatti di Colonia non riguardano soloi migranti

Dimensioni di testo Aa Aa

Cosa è accaduto in Germania?
Cosa sta accadendo?

Facciamo un passo indietro.

La scorsa estate, il Paese, non nuovo a massicci flussi di migranti, ha dovuto affrontare un’ondata di arrivi senza precedenti.

A luglio, la cancelliera Angela Merkel faceva piangere una bambina palestinese, dicendole che la Germania non poteva ospitare tutti i richiedenti asilo.

A agosto, le parole della cancelliera si ammorbidiscono e annuncia: gli immigrati che arriveranno in Germania saranno oltre un milione entro la fine dell’anno.

Così è stato e il 31 dicembre, Merkel, nel tradizionale discorso di fine anno alla nazione, ha parlato di rifugiati e immigrati e dei vantaggi che ne avrebbero tutti i tedeschi da buone politiche di inclusione e integrazione.

Ma a qualche ora di distanza dal messaggio di fine anno succede l’imprevedibile proprio in una delle città più aperte, inclusive della Germania: Colonia. Dove da qualche mese Henriette Rekel è sindaco, lei che il giorno prima delle elezioni è stata accoltellata da uno xenofobo perché considerata troppo tollerante.

Il tono e le parole di Angela Merkel cambiano radicalmente:

“Permesso di soggiorno e asilo possono essere revocati se una persona viene condannata”.

Le denunce delle donne molestate arrivano piano piano, anche la notizia tarda a arrivare.

Il capo della polizia locale, che nel frattempo si è dimesso, in un primo comunicato aveva addirittura affermato che la notte di Capodanno tutto era andato bene.
Le denunce aumentano, le donne molestate squarciano il velo della paura e della vergogna e si procede con le prime ricostruzioni.
Gli aggressori sono per la maggior parte nordafricani, arabi.

Sotto accusa la polizia, che è rimasta inerte, di fronte a quello che il ministro della Giustizia Heiko Maas ha definito un attacco organizzato con dietro una regia.

http://www.theguardian.com/world/2016/jan/08/cologne-violence-suspects-include-asylum-seekers

“I colpevoli saranno puniti. Dobbiamo accertare se si tratti di una nuova forma di delinquere contro la quale prendere misure”.

Angela Merkel rimanda al mittente le critiche alla sua politica dell’accoglienza. Quanto avvenuto in Germania racconta di un Paese in evoluzione, con problemi e anche contraddizioni. Da superare.

Un primo passo potrebbe essere fatto il 4 febbraio quando Colonia invita tutte le donne del mondo a manifestare contro la violenza sessista.

http://www.huffingtonpost.it/marco-palillo/i-fatti-di-colonia-riguardano-tutti-noi-maschi-non-solo-i-migranti_b_8928918.html

http://www.theguardian.com/world/2015/nov/25/angela-merkel-stands-by-refugee-policy-syria-despite-security-fears

http://www.abc.net.au/news/2016-01-11/european-migrant-crisis-triggers-gender-imbalance/7076924

http://www.bloombergview.com/articles/2016-01-06/germany-has-the-north-african-disease