ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa avverte Pyongyang e invia un cacciabombardiere a lungo raggio

Gli Stati Uniti lanciano un messaggio di avvertimento alla Corea del Nord inviando un B52. Il cacciabombardiere a lungo raggio ha sorvolato la Corea

Lettura in corso:

Usa avverte Pyongyang e invia un cacciabombardiere a lungo raggio

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli Stati Uniti lanciano un messaggio di avvertimento alla Corea del Nord inviando un B52. Il cacciabombardiere a lungo raggio ha sorvolato la Corea del Sud prima di rientrare nella base nella base statunitense sull’isola di Guam. Si tratta della prima reazione di Washington al quarto test nucleare coreano, avvenuto lo scorso mercoledì, il primo con una presunta bomba all’idrogeno.

“Gli Stati Uniti continueranno a impegnarsi insieme ai suoi alleati nella regione per mantenere la stabilità e la sicurezza nella Corea del Sud e nella penisola coreana”, ha detto il Generale Terrence O’Shaughnessy, Vice Comandante delle Forze Statunitensi in Corea del Sud.

“Le nostre forze aeree sono pronte a punire tutte le provocazioni in maniera forte e ferma, ovunque, in qualunque momento e in qualunque forma si verifichino” ha aggiunto Lee Wang-keun, comandante delle operazioni delle Forze aeree della Corea del Sud,

Il test del 5 gennaio è stato un “grande evento” per Pyongyang che sostiene di aver usato una bomba a idrogeno miniaturizzata. “Si tratta di una misura di autodifesa contro gli Stati Uniti per difendere la pace”, ha dichiarato il leader nordcoreano Kim Jong-Un.

Per il Giappone, storico rivale di Pyongyang, questo test è una “grave e intollerabile minaccia”. Le forze armate giapponesi hanno iniziato le esercitazioni militari annuali. Il premier Shinzo Abe ha promesso una risposta decisa alla sfida della Corea del Nord. ‘‘È sempre meglio evitare la guerra, ma penso che sia anche importante essere preparati”, commenta un giapponese che assiste alle esercitazioni militari.

Nei confronti del regime nordcoreano una condanna unanime è arrivata dalla comunità internazionale. Per il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon il test è “profondamente destabilizzante per l’intera regione”. Il Consiglio di sicurezza dell’Onu discute di possibili sanzioni contro Pyongyang.