ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna: dopo le elezioni, un complicato stallo

Non sarà facile trovare le formule giuste per ridare un governo alla Spagna: il giorno dopo le elezioni, non era ancora chiaro se a impedire una

Lettura in corso:

Spagna: dopo le elezioni, un complicato stallo

Dimensioni di testo Aa Aa

Non sarà facile trovare le formule giuste per ridare un governo alla Spagna: il giorno dopo le elezioni, non era ancora chiaro se a impedire una grande coalizione è il nome di Mariano Rajoy o l’idea stessa di un’alleanza con i popolari.
Che però sono il primo partito, e il premier uscente se la vuole prendere, la responsabilità di avviare i colloqui:

“Penso che il Partito Popolare abbia una responsabilità e un mandato per avviare un dialogo e verificare la fattibilità di un governo stabile, che possa dare le certezze necessarie sia in Spagna che fuori dalla Spagna”.

La segretaria socialista, a giudicare dalla prima reazione, non sembra aprire spiragli ad alcuna coalizione, con il PP.

“Noi non faciliteremo la costituzione di questo governo, voteremo ‘no’ all’investitura di Mariano Rajoy perché siamo alternativi al Partito Popolare”.

L’alleanza con Ciudadanos ai popolari di Rajoy non basterebbe, e quella con Podemos pare al momento improponibile. Il movimento anti-casta ha anche detto di non voler entrare in coalizione nemmeno con i socialisti.
Al momento ogni soluzione per una maggioranza sembra quindi impossibile, ma da domani in poi le cose potrebbero anche cambiare, almeno in termini di appoggi esterni, per un governo di minoranza.

“C‘è molta incertezza tra gli spagnoli visti i risultati delle elezioni di domenica. Molti invocano un accordo, che renda possibile l’investitura di un governo, pur essendo coscienti delle difficoltà. Ora sta alle forze politiche dimostrare il livello di responsabilità al quale possono arrivare, oppure indire nuove elezioni”.