ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Perù, l'esercito distrugge decine di miniere d'oro illegali

La polizia peruviana ha distrutto 89 miniere d’oro a cielo aperto illegalmente aperte nella foresta Amazzonica. L’operazione durata due giorni si è

Lettura in corso:

Perù, l'esercito distrugge decine di miniere d'oro illegali

Dimensioni di testo Aa Aa

La polizia peruviana ha distrutto 89 miniere d’oro a cielo aperto illegalmente aperte nella foresta Amazzonica.

L’operazione durata due giorni si è svolta nella riserva ambientale di Tampopata, nella regione di Madre de Dios.

Secondo il governo, negli ultimi tre anni le miniere abusive hanno distrutto oltre 50.000 ettari di foresta.

“Una delle minacce più gravi a livello globale è la distruzione dell’ambiente. Tra le attività più pericolose ci sono le miniere illegali, che usano mercurio e altri elementi pericolosi”.

L’arrivo della polizia ha messo in fuga molti minatori, che vivevano accanto ai loro luoghi di lavoro. Per loro, l’estrazione illegale di oro rappresenta il solo mezzo di sostentamento.

“Lo Stato non ci dà un lavoro, per questo noi rischiamo la vita qua, scappando dal rischio di venire ammazzati, rapiti o bruciati. Non esiste giustizia qui, ma noi viviamo cosi, lottando per guadagnarci da vivere”.

Secondo dati ufficiali, la produzione illegale di oro in Perù rappresenta il 10 per cento del totale delle estrazioni, e nonostante gli sforzi repressivi del governo, continua a crescere: l’oro sequestrato nei primi otto mesi del 2015 è il 28 per cento in più di quello sequestrato nel corso dell’intero 2014.