ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Jet abbattuto, Putin attacca Ankara: "Tentativo di compiacere gli Stati Uniti"

Resta insanabile “l’atto ostile” della Turchia: va dritto al nodo delle tensioni Vladimir Putin nella tradizionale conferenza stampa di fine anno

Lettura in corso:

Jet abbattuto, Putin attacca Ankara: "Tentativo di compiacere gli Stati Uniti"

Dimensioni di testo Aa Aa

Resta insanabile “l’atto ostile” della Turchia: va dritto al nodo delle tensioni Vladimir Putin nella tradizionale conferenza stampa di fine anno. L’abbattimento del jet Sukhoi-24 da parte delle forze turche monopolizza il discorso alla nazione del presidente russo per il quale rappresenta un punto di non ritorno nei rapporti con Ankara.

“Non vedo alcuna possibilità di appianare le relazioni con la Turchia”, ha detto Putin che crede sia“virtualmente impossibile che si possa trovare un terremo comune con l’attuale leadership turca”.

Il capo del Cremlino ha avanzato il sospetto che Ankara abbia voluto ingraziarsi gli Stati Uniti e l’Unione europea abbattendo il cacciabombardiere presso il confine turco-siriano.

“Lei mi ha chiesto”, ha chiarito poi Putin rispondendo a un giornalista turco, “se è possibile che una terza parte sia coinvolta nell’abbattimento del jet russo. Capisco la sua allusione. Noi non lo sappiamo. Ma se qualcuno nella leadership turca ha deciso di compiacere gli americani, non so se ha fatto una cosa giusta o no”.

“Provi ora la Turchia a volare nello spazio aereo siriano”, ha poi minacciato Putin. La “Russia non è un Paese che scappa”, ha detto il presidente russo spiegando che Mosca ha aumentato la sua presenza aerea e le sue difese anti aeree nella regione.