ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: le principali forze 'moderate' dell'opposizione

Chi sono le forze moderate dell’opposizione siriana. Una conferenza, che ha visto riunite a Riad, in Arabia Saudita, mercoledì 8 dicembre, tutte le

Lettura in corso:

Siria: le principali forze 'moderate' dell'opposizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Chi sono le forze moderate dell’opposizione siriana.

Una conferenza, che ha visto riunite a Riad, in Arabia Saudita, mercoledì 8 dicembre, tutte le forze, ormai considerate moderate dell’opposizione siriana, sia i gruppi politici che quelli armati, tra gli altri anche gruppi islamici radicali, in vista di eventuali negoziati da intraprendere con le forze di Bashar al Assad .

Tutte le forze che operano in Siria, eccezione fatta per Daesh e il fronte al Nusra, erano presenti.

https://it.notizie.yahoo.com/siria-riad-opposizione-discute-nomi-per-colloqui-con-154621970.html

Organo politici

La Coalizione nazionale siriana delle forze dell’opposizione e della rivoluzione è il principale organo politico dell’opposizione siriana al governo di Bashar al-Assad.

Nasce a Doha l’11 novembre 2012 e incorpora i membri del Consiglio Nazionale Siriano, nato a Istanbul il 23 agosto 2011, con l’intenzione di amalgamare le diverse anime della rivolta, creare un interlocutore politico per l’Esercito siriano libero e cercare sostegno sul piano internazionale.

Riconosciuta come legittimo rappresentante del popolo siriano dagli Usa, l’Unione europea la definisce il “legittimo rappresentante delle aspirazioni del popolo siriano”.

La struttura estremamente eterogenea delle forze che compongono la Coalizione, che vanno dai partiti laici a quelli legati alla Fratellanza Musulmana, crea notevoli tensioni al suo interno.

Braccio militare

Tra i principali gruppi presenti a Riad:

L’esercito libero siriano

Si tratta della forza di opposizione armata al governo siriano più numerosa e meglio equipaggiata. L’ossatura e la linea di comando è composta da soldati e ufficiali disertori delle Forze armate siriane.
Fondato ufficialmente il 29 luglio 2011, ha come obiettivo primo quello di proteggere i dimostranti pacifici dalle violenze della polizia e dei militari.

L’Esl si è trasformato in una milizia combattente strutturata, suddivisa in brigate con centri di comando nelle principali città siriane.

La sede centrale dell’Esl è in Turchia, da cui riceve finanziamenti e sostegno.

Privilegia la guerriglia urbana con armi leggere, come strategia di combattimento.

È considerata come la forza di opposizione più laica al governo siriano, sebbene alcune frange, come le brigate al-Farouq, siano di chiara impronta islamista.

Fronte islamico

Il Fronte Islamico è una coalizione di 7 gruppi armati di ispirazione salafita che si oppongono militarmente al governo siriano.

Il Fronte nasce il 22 novembre 2013 con l’intenzione di unire le forze di tutti i gruppi islamisti siriani finora rimasti isolati o appartenenti alle due principali coalizioni (il Fronte Islamico Siriano e il Fronte Islamico Siriano di Liberazione) che vengono sciolte.

Confluiscono nel Fronte anche due tra i più importanti gruppi islamisti: Jaysh al-Islam e Ahrar al-Sham.

L’unione delle forze permette al Fronte Islamico di essere, secondo alcune fonti, la milizia di opposizione più numerosa in Siria, con 60.000 uomini
È il gruppo ribelle jihadista più violento presente in Siria.

Tra i suoi gruppi più attivi

Jaich al-Islam che ha condannato gli attentati di Parigi.

Assenti

Il partito moderato curdo, Partito dell’unione democratica, Pyd, e il suo braccio armato, Le Unità di protezione del popolo, Ypg, non sono stati invitati.

https://it.wikipedia.org/wiki/Organizzazioni_e_gruppi_armati_nella_guerra_civile_siriana

http://sondaggibidimedia.com/2015/12/07/guerra-in-siria-una-analisi-delle-forze-in-campo/