ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fusione nucleare: il reattore Wendelstein 7-X produce il suo primo plasma

Lettura in corso:

Fusione nucleare: il reattore Wendelstein 7-X produce il suo primo plasma

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli scienziati dell’Istituto Max-Planck Greifswald, nel nord-est della Germania hanno concluso con successo il primo di una serie di test del

Gli scienziati dell’Istituto Max-Planck Greifswald, nel nord-est della Germania hanno concluso con successo il primo di una serie di test del reattore per la fusione nucleare Wendelstein 7-X.

La macchina ricalca i processi che avvengono nelle stelle, con l’obiettivo di produrre elettricità e risolvere in futuro i problemi energetici del pianeta. L’energia da fusione è inesauribile e non comporta la produzione di rifiuti pericolosi.

“Una centrale nucleare, a fissione nucleare, presenta un problema di smaltimento”, spiega Thomas Kingler, direttore scientifico del progetto Weldenstein 7-X. “Produce rifiuti nucleari che devono essere stoccati per decine di migliaia di anni. La fusione non presenta questo tipo di problema”.

I reattori a fusione utilizzano due isotopi di idrogeno, il deuterio e il trizio, che devono essere sottoposti a temperature altissime per poter ottenere la separazione degli elettroni dai nuclei e quindi per ottenere il plasma. La reazione libera grandi quantità di energia. Anche se l’efficacia del Wendelstein 7-X è stata dimostrata, questo tipo di reattore diventerebbe operativo tra molti anni, forse un secolo.

“Questa è scienza preventiva, è come piantare alberi”, afferma Klingler. “Se non pianti gli alberi adesso non ne avrai fra cent’anni. Occorre essere previdenti”.

La tecnologia utilizzata a Greifswald è abbastanza diversa da quella di altri esperimenti di fusione nucleare, come l’ITER di Cadarache, nel sud della Francia dove per confinare il plasma viene utilizzato un contenitore denominato Tokamak. Ma il metallo di questo strumento tenderebbe a piegarsi. Lo stellarator ultizzato in Germania invece non presenta questo problema, è però più difficile da costruire. Entrambi comunque per essere operativi richiederanno molto tempo e impegno.