ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Washington: il drone sempre piu' in alto

Lettura in corso:

Washington: il drone sempre piu' in alto

Dimensioni di testo Aa Aa

Fanno molto rumore a Washington ma non hanno a che vedere con la politica a stelle e strisce, almeo direttamente. Parliamo dei droni in inglese

Fanno molto rumore a Washington ma non hanno a che vedere con la politica a stelle e strisce, almeo direttamente. Parliamo dei droni in inglese UAV (unmanned aerial vehicles). Sempre piu’ presenti come alta tecnologia nella vita quotidiana. Proprio nella capitale america hanno preteso all’inizio di dicembre un loro salone: The National Drone Show. I droni hanno applicazioni ormai ovunque non soltanto in campo militare o nella sorveglianza. Il drone serve là dove il volo con un pilota umano è sconsigliato o improponibile.

MATTHEW CREGER, manager INTELLIGENTUAS: “Proponiamo soluzioni personalizzate con i nostri prodotti, di fatto abbiamo un doppio sensore, una Go Pro e una telecamera termica. Una soluzione ottimale per soccorsi, l’ispezione ai pannelli solari, l’agricoltura, per questo adesso vediamo moltiplicarsi la nostra clientela”.

Quello che è stato un hobby per alcuni appassionati adesso sta diventano un business importante. La dimensione globale del loro mercato dovrebbe superare i due miliardi di dollari (1,9 miliardi di euro) entro il 2022, secondo un nuovo studio condotto da Grand View Research, società californiana di analisi di mercato.

BRIAN GRANT, rappresentante di YUMEEC ELECTRIC AVIATION: “Questo si presenta come il nostro prodotto cardine, il Tornado H9-20, orientato al mercato professionale e di consumo, puo’ volare per oltre 30 minuti, ha un carico utile di alcuni chili e puo’ muoversi nel raggio di un miglio se necessario. Va ben impostato ma poi è tutto molto semplice si afferra la centralina comandi si racaricano le batterie e lo si puo’ far partire”.

I produttori sono molto fiduciosi nel futuro.

BRIAN GRANT: “E’ un settore che vuole crescere. C‘è un potenziale qui, un’industria da miliardi di dollari, che cerescerà sempre di piu’. Avete Amazons che vuole realmente usare i droni e Googles…”

Ogni paese industrializzato sta facendo investimenti sui droni, si punta allo sviluppo tecnologico per le applicazioni di questi nuovi strumenti aerei.

La domanda è significativamente più grande per le applicazioni militari, anche se quelle commerciali stanno progressivamente recuperando terreno. Un settore che vedrà un boom nell’uso dei droni, secondo gli esperti, riguarda la sorveglianza.

BOB BLAKLEY, funzionario di polizia della contea di FAIRFAX: “Credo che nella prossima decade i droni serviranno per fare applicare la legge. Nella contea di Fairfax disponiamo di due elicotteri ma costa caro tenerli in funzione. I droni consentono di dispiegare una sorveglianza aerea molto rapidamente per risolvere molte situazioni in modo sicuro e tempestivo”.

Alla fiera di Washington i clienti possono comprare un drone economico a soli $2000 (1850 euro), mentre i prezzi dei modelli piu’ sofisticati vanno dai 15.000 fino ai 30.000 dollari quindi un massimo di 28.000 euro. Resta pero’ l’incognita di un quadro normativo ancora in divenire.

STEFAN GROBE, euronews: “Negli Stati Uniti, mezzo milione di droni stanno per essere acquistati in questo anno di festività natalizie. Ma i fan non potranno baloccarsi coi loro regali di natale per tanto tempo. Il dipartimento dell’aviazione federale americana ha appena annunciato che ci saranno presto regole severe per garantire la sicurezza dello spazio aereo.”

http://www.gvexpo.com/the-drone-show/#