ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I ministri delle finanze Ue contro il finanziamento del terrorismo

Gli attentati di Parigi hanno evidenziato l’urgenza di combattere con efficacia le risorse finanziarie del terrorismo. Lo hanno sottolineato i

Lettura in corso:

I ministri delle finanze Ue contro il finanziamento del terrorismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli attentati di Parigi hanno evidenziato l’urgenza di combattere con efficacia le risorse finanziarie del terrorismo. Lo hanno sottolineato i ministri delle finanze europei a Bruxelles secondo cui oltre al controllo dei conti bancari bisogna procedere al congelamento dei beni dei sospetti terroristi.

Point of view

Una delle fonti maggiori di macro-finanza del terrorismo sono le transazioni con un territorio noto, che si puo' delimitare geograficamente: lo stato islamico tra la Siria e l'Iraq e i suoi vicini. E' petrolio che si vende alla Giordania e alla Turchia, quindi gli aquirenti si conoscono.

Spiega il ministro delle finanze francese Michel Sapin:
“Penso in particolare a dei beni immobiliari, come degli appartamenti o a alle macchine, o a eventuali sussidi, perché ci possono essere dei sussidi di carattere pubblico, versati da questo o quel paese Europeo che finanziano direttamente le attività terroristiche di questi individui”

Ci sono due aspetti nel finanziamento del terrorismo, da una parte i grandi flussi finanziari che sostengono lo sviluppo dello Stato Islamico, dall’altra le piccole operazioni che finanziano i singoli attentati, ma che sono piu’ difficili da seguire,come sottolinea l’ex agente francese Claude Moniquet: “temo che si perda molto tempo, molte energie, molti soldi nel combattere qualcosa che non si puo’ combattere e questo non vale solo per il terrorismo, ma anche per il business della droga e della prostituzione. Ho l’impressione che ci stiamo focalizzando troppo su un dibattito importante ma su cui non avremo risultati eclatanti” .

Risultati maggiori invece si possono avere nella macro-finanza. Secondo Claude Moniquet, esperto di terrorismo, lo stato islamico guadagna tra i 600 e gli 800 milioni di dollari all’anno con il petrolio:

“Una delle fonti maggiori di macro-finanza sono le transazioni con un territorio noto, che si puo’ delimitare geograficamente: lo stato islamico tra la Siria e l’Iraq e i suoi vicini. E’ petrolio che si vende alla Giordania e alla Turchia, quindi gli aquirenti si conoscono. C‘è modo di sapere chi compra il petrolio. C‘è modo di colpire i consumatori e gli acquirenti che comprano petrolio ben sapendo che è venduto dallo stato islamico”

Dopo Parigi, tutti i paesi del G20, incluse Turchia e Arabia saudita, si sono impegnati a combattere il finanziamento del terrorismo. Bisogna vedere se la dichiarazione di intenti sarà tradotta in impegni concreti.