ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rinviato (per un problema tecnico) il decollo della sonda Lisa Pathfinder

Lettura in corso:

Rinviato (per un problema tecnico) il decollo della sonda Lisa Pathfinder

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ stato rinviato il lancio della sonda dell’ESA LISA Pathfinder. Un problema tecnico al terzo stadio del vettore Vega ha costretto gli scienziati del centro di controllo di Kourou, in Guyana francese, ad annullare le operazioni quandi mancavano poco più di 10 ore dal decollo. La nuova data di lancio potrebbe essere decisa giovedí mattina dopo una nuova serie di controlli e analisi tecniche.
Un’altra finestra utile è il 3 dicembre all’1.04 del mattino ora locale (le 5.01 in Italia).

LISA Pathfinder è il precursore tecnologico dell’osservatorio spaziale di onde gravitazionali (pianificato per il 2034 con il lancio della missione e-Lisa), terza grande missione dell’ESA nel suo programma scientifico Cosmic Vision.

“Le onde gravitazionali sono l’ultima frontiera dell’astrofisica – dice dice il presidente dell’ASI Roberto Battiston -, la traccia a tutt’oggi inafferrabile della forza più elusiva che permea il nostro Universo. Elusiva al punto che solo quando da tranquille onde diventano veri e propri tsunami – a seguito di eventi gravitazionalmente catastrofici come, per esempio, la collisione fra due buchi neri – possiamo sperare di registrarne le increspature. E il sistema messo a punto dall’Agenzia Spaziale Europea sembra aver tutte le carte in regola per riuscirci”.

La sperimentazione della tecnologia che Lisa Pathfinder deve portare nello spazio, è basata su una misurazione ad altissima precisione del movimento di due cubi, in lega d’oro e platino, in una caduta libera gravitazionale quasi perfetta, monitorata da un complesso sistema di laser.

L’Optical Metrology Subsystem, lo strumento che dovrà registrare il passaggio di onde gravitazionali, misurando lo spostamento dei due cubi, ha una precisione di due miliardesimi di millimetro, un dato sufficiente a registrare increspature nel tessuto dello spazio, come quelle attese dallo scontro fra corpi celesti di enorme massa.

La missione Lisa Pathfinder ha visto un importante contributo italiano, sia sul piano scientifico che tecnologico.

LINKS:
www.asi.it
www.esa.int