ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli Eagles of death metal parlano della strage al Bataclan di Parigi (per la prima volta)

La rock band californiana era sul palco il 13 novembre quando il commando ha iniziato a sparare

Lettura in corso:

Gli Eagles of death metal parlano della strage al Bataclan di Parigi (per la prima volta)

Dimensioni di testo Aa Aa

Erano sul palco a suonare il 13 novembre al Bataclan.

Point of view

«Molte persone si sono nascoste nel nostro camerino. Gli attentatori sono riusciti ad entrare e ad uccidere tutti quanti, tranne un ragazzo che si era nascosto sotto al mio giubbotto di pelle» Jesse Hughes degli Eagles of Death Metal, la band che stava suonando al Bataclan di Parigi la sera degli attentati

La rock band californiana “Eagles of Death Metal“:

si esprime per la prima volta. I musicisti sono tornati sani e salvi a casa, 4 loro collaboratori, invece, sono deceduti, insieme ad altre 85 persone.

Il racconto del cantante del gruppo, Jesse Hughes

Diverse persone si sono rifugiate nel nostro camerino, ma il commando è riuscito a entrare e ha ucciso tutti, tranne un bambino che si era nascosto sotto alla mia giacca di pelle

Tutti quelli che erano lì erano terrorizzati e cercavano di farsi passare per morti. Una delle ragioni per cui ci sono state così tante vittime è perché molti hanno cercato di proteggere i loro amici facendo scudo con il proprio corpo.

Per ora ogni attività dal vivo del gruppo Eagles of death metal è sospesa, ma diversi sopravvissuti alla strage hanno scritto messaggi pubblici alla rock band auspicando che torni al più presto a “suonare a Parigi”:

proprio per dimostrare che il terrorismo non vince e non ferma la vita.