ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Portogallo al bivio: nuove elezioni o governo di sinistra

È stato il governo più breve della storia democratica portoghese. Durato 11 giorni, l’esecutivo del socialdemocratico Pedro Passos Coelho, sapeva di

Lettura in corso:

Portogallo al bivio: nuove elezioni o governo di sinistra

Dimensioni di testo Aa Aa

È stato il governo più breve della storia democratica portoghese.
Durato 11 giorni, l’esecutivo del socialdemocratico Pedro Passos Coelho, sapeva di non avere i numeri in parlamento.

E in occasione del voto di fiducia è stato messo in minoranza dalle forze di sinistra e estrema sinistra che si sono unite, per la prima volta, in parlamento.

La gestione della crisi torna nelle mani del presidente, il conservatore Anibal Cavaco Silva, che ricordiamo è a fine mandato e che non nasconde le sue perplessità di rivolgersi ai socialisti per formare il nuovo governo .

Possibilità che comunque ha scartato già all’indomani delle elezioni, dicendo:

Anibal Cavaco Silva:
“Al momento non mi si è presentata nessuna alternativa valida, credibile e coerente”.

I socialisti insieme ai partiti di estrema sinistra avrebbero i numeri per governare, ma la coalizione sarebbe, oltre che inedita, fragile, visto che sono contemplate le istanze più diverse.

Soluzione invece caldeggiata dal leader del partito socialista, Antonio Costa, che parla di una novità.

Antonio Costa, leader del partito socialista:

“Per la prima volta, un governo potrebbe essere formato da socialisti, comunisti e verdi. Una novità”.

Il capo dello Stato può decidere di chiedere a Passos Coelho di rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti, in attesa di nuove consultazioni a giugno. (A gennaio ci saranno le presidenziali in Portogallo).

Potrebbe optare per un governo del presidente, chiamando dei tecnici.
Potrebbe, infine, affidare l’incarico a Antonio Costa:

Alternativa, per quanto remota, sempre possibile e non senza rischi, stando a questo analista:

António Costa Pinto, Università di Lisbona:

“Se il presidente decide per un governo di minoranza guidato dai socialisti, che abbia il sostegno degli altri partiti di sinistra, i partiti di centrodestra faranno una strenua opposizione”.

Come conseguenza ci potrebbe essere una forte polarizzazione della vita politica del Paese.
Le due manifestazioni, che hanno avuto luogo ieri durante il dibattito in aula, una a favore l’altra contro il governo, potrebbero essere solo un’anteprima.