ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Jet e armamenti in primo piano all'Airshow 2015, biennale d'aeronautica di Dubai

Aerei di linea, jet privati, pattuglie acrobatiche da restare con il naso all’insù, ma anche nuove armi russe e qualche dubbio sul giro d’affari in

Lettura in corso:

Jet e armamenti in primo piano all'Airshow 2015, biennale d'aeronautica di Dubai

Dimensioni di testo Aa Aa

Aerei di linea, jet privati, pattuglie acrobatiche da restare con il naso all’insù, ma anche nuove armi russe e qualche dubbio sul giro d’affari in ballo. Si è aperto l’Airshow di Dubai, fiera biennale che fino a giovedì prossimo vede la presenza di oltre 800 aziende provenienti da più di 50 Paesi.

Tutte le ultime novità nel campo dell’aeronautica sono in mostra alla presenza del Vice presidente degli Emirati Arabi Uniti, Shaikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum.

La kermesse ha già messo in conto di non poter raggiungere i risultati record dell’ultima edizione: nel 2013 ci furono oltre 65.000 visitatori.

A fare la differenza quest’anno è in particolare il settore militare, con l’intera regione in corsa per dotarsi di sistemi di difesa e rinforzare la sicurezza.

La sola Russia è presente con più di 200 nuovi prodotti di 23 aziende, tra le quali i costruttori di MiG, Sukhoi, la Russian Helicopters e la Almaz Antey che produce sistemi di difesa aerea.

La nostra corrispondente a Dubai Rita Del Prete: “Grande fermento e segnali di ottimismo in questo Airshow, qualche contratto è stato già firmato, ci sono soprattutto prese di contatto tra espositori e acquirenti. E solo nei prossimi giorni si avranno le idee più chiare sulle somme di denaro in gioco”.