ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Romania: sale ad almeno 45 la cifra dei morti dell'incendio nella discoteca di Bucarest

È asceso ad almeno 45, ma potrebbe aumentare nelle prossime ore, il numero delle vittime decedute a seguito del terribile incendio di una settimana

Lettura in corso:

Romania: sale ad almeno 45 la cifra dei morti dell'incendio nella discoteca di Bucarest

Dimensioni di testo Aa Aa

È asceso ad almeno 45, ma potrebbe aumentare nelle prossime ore, il numero delle vittime decedute a seguito del terribile incendio di una settimana fa nella capitale rumena.

95 persone restano ancora ricoverate, alcune, si parla di almeno 36, sono in gravissime condizioni. Oltre alle ustioni è stato l’avvelenamento da fumo e il parapiglia che si è scatenato a provocare diverse vittime.

I pazienti più gravi sono stati trasferiti in aereo soprattutto in Belgio, Olanda e Regno Unito, ma per alcuni le ferite erano troppo gravi.

E sono cadute le prime teste. Oltre alle dimissioni del premier Victor Ponta si era prima dimesso Cristian Popescu Piedone, sindaco del Settore 4, il quartiere della capitale romena dove si trova il club devastato. L’uomo è poi stato arrestato perché dalle indagini è emerso che aveva accordato ai proprietari del locale la licenza di esercizio malgrado non avessero ottenuto le necessarie autorizzazioni da parte dei pompieri.
Così il sottosegretario alla salute romeno: “La situazione è critica perché alcuni di questi pazienti sono instabili. La condizione di alcuni di loro è peggiorata immediatamente dopo l’incidente. Stiamo lavorando duro soprattutto per due obiettivi: decongestionare gli ospedali che sono sono oltre le loro capacità e per scegliere i pazienti che andranno in altri paesi”.

Il rogo si è sviluppato la sera di venerdì 30 ottobre nella discoteca “Club Colectiv”, dove 200 ragazzi stavano assistendo al concerto della rock band heavy metal “Goodbye to Gravity”. Alcuni membri della band sono morti. Il tutto era accompagnato da uno spettacolo pirotecnico. Sono stati proprio i fuochi d’artificio a scatenare l’incendio, in un locale che non rispettava le norme di sicurezza.