ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Sculpture by the Sea", apre in Australia la 19esima edizione della più grande esposizione di arte all’aperto del mondo

Lettura in corso:

"Sculpture by the Sea", apre in Australia la 19esima edizione della più grande esposizione di arte all’aperto del mondo

Dimensioni di testo Aa Aa

“Sculpture by the Sea” è la più grande esposizione di arte all’aperto del mondo. Si svolge in Australia e quest’anno ospita le sculture di cento

“Sculpture by the Sea” è la più grande esposizione di arte all’aperto del mondo. Si svolge in Australia e quest’anno ospita le sculture di cento artisti.

La costa si trasforma in una grande galleria d’arte gratuita di opere temporanee.

L’artista tedesco Jörg Plickat ha vinto il premio per la sua scultura in metallo “Divided Planet” (Pianeta diviso), una dichiarazione politica contro il surriscaldamento globale e la povertà. “E’ come una sfera, è il pianeta diviso in più frammenti: politico, etnico, economico”, spiega. Plickat è uno degli scultori tedeschi più noti: i suoi lavori sono esposti in spazi pubblici o nelle chiese in tutto il mondo.

“Sculpture by the Sea” è giunta alla 19esima edizione.

La preparazione dell’evento richiede molto tempo e un gran lavoro di logistica, per portare le opere. “Ognuno arriva con il suo carico di materiale e di macchinari per le installazioni – dice il direttore di Sculpture by the Sea David Handley -. Si tratta di opere impiantate nel terreno e oltre al lavoro artistico c‘è anche quello di ingegneria”,

In mostra ci sono cento artisti, che hanno approcci differenti. Marina DeBris lavora con il riutilizzo dei rifiuti per portare l’attenzione sull’inquinamento degli oceani e delle spiagge. “L’opera si chiama ‘City to Surf’ ed è fatta con rifiuti locali, trovati a Bondi, Tamarama e Bronte beach – spiega l’artista californiana -. E questa è soltanto una piccolissima parte di quello che si trova. Io prende soltanto quello che mi serve”.

L’esposizione termina l’8 novembre: sono attesi oltre mezzo milioni di visitatori