ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Disastro Metrojet colpisce turismo Egitto, da Russia -50% prenotazioni

Il disastro aereo della Metrojet rischia di mettere in ginocchio l’economia dell’Egitto. Il ministero del Turismo esprime rammarico per la decisione

Lettura in corso:

Disastro Metrojet colpisce turismo Egitto, da Russia -50% prenotazioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Il disastro aereo della Metrojet rischia di mettere in ginocchio l’economia dell’Egitto. Il ministero del Turismo esprime rammarico per la decisione presa da Londra di sospendere i voli diretti a Sharm el Sheik. Il governo non vuole sentir parlare dell’ipotesi terrorismo, ma gli avvenimenti degli ultimi giorni rallentano le ambizioni di raggiungere l’obiettivo di 20 milioni turisti stranieri arrivi entro il 2020.

Euronews ha incontrato al Cairo Mahmoud Zahe, ex ufficiale dell’intelligence egiziana: “Abbiamo mostrato alle delegazioni internazionali provenienti da Russia, Gran Bretagna, Francia, Canada, Germania e altri Paesi che seguono l’indagine fin dall’inizio tutti i controlli che svolgiamo in aeroporto sui passeggeri, sui bagagli e tutto ciò che riguarda la sicurezza all’esterno degli aeromobili”

“Non vi è alcun problema di sicurezza e ne abbiamo le prove – aggiunge Mahmoud Zahe – si può tranquillamente dire che l’aeroporto di Sharm Sheikh rispetta – così come si dice – gli standard internazionali di sicurezza. Queste delegazioni internazionali hanno potuto constatarlo e testarlo direttamente”.

Il Cairo nega l’ipotesi dell’ordigno esplosivo a bordo dell’aereo russo precipitato sabato scorso nel Sinai. Gli investigatori sostengono di non avere ancora le prove.

“C‘è un conflitto internazionale tra gli Stati Uniti e la Russia e dobbiamo prendere in considerazione il rapporto tra l’Egitto e l’Arabia Saudita, così come le relazioni tra Egitto e Russia – sostiene Zahe – Come si può avallare la teoria della cospirazione per colpire il turismo in Egitto?”

Per il Cairo perdere i turisti russi significherebbe 3 milioni di visitatori in meno all’anno e i tour operator hanno già registrato un ribasso dal 30 al 50% delle prenotazioni.

“Dopo le dichiarazioni britanniche e statunitensi l’Egitto ha deciso il rafforzamento delle misure di sicurezza negli aeroporti di tutto il Paese, ma le autorità del Cairo confermano che questa allerta non è collegata all’ipotesi di un attacco terroristico in relazione all’incidente del volo Metrojet – conclude il corrispondente di euronews, Mohammed Shaikhibrahim – Ogni altro giudizio è posticipato a dopo l’esito delle indagini”.