ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al Sisi incontra Cameron a Londra: "La sicurezza dei turisti è prioritaria"

La sicurezza nella zona del Sinai, dopo lo schianto dell’airbus russo il 31 ottobre, è stata al centro dell’incontro a Londra tra il presidente

Lettura in corso:

Al Sisi incontra Cameron a Londra: "La sicurezza dei turisti è prioritaria"

Dimensioni di testo Aa Aa

La sicurezza nella zona del Sinai, dopo lo schianto dell’airbus russo il 31 ottobre, è stata al centro dell’incontro a Londra tra il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi e il premier britannico, David Cameron. La protezione dei turisti stranieri è prioritaria ha detto Al Sisi.

“Mi rendo conto perfettamente di quanto sia importante essere consapevoli che questo incidente potrebbe mettere a repentaglio il ritorno dei cittadini britannici che si trovano in Egitto e che noi siamo contenti di ospitare”, ha detto Abdel Fattah Al Sisi.

“Abbiamo avuto ottime discussioni, non solo su quello che l’Egitto ha fatto in passato per incrementare la propria sicurezza e la sicurezza dei turisti, ma anche per le ulteriori iniziative che è possibile prendere da oggi, per fare in modo che i cittadini britannici possano tornare a casa dopo le vacanze a Sharm”, ha aggiunto David Cameron.

A Downing Street si sono raccolti manifestanti pro e contro Al-Sisi. 300 i sostenitori del presidente egiziano. Un altro gruppo ha protestato contro la sua visita, denunciando le violazioni dei diritti umani e le restrizioni alle libertà civili in Egitto

“Per me Al Sisi è un salvatore, è arrivato e ha tolto di mezzo i Fratelli Musulmani che erano un male per il Paese”, dice un sostenitore del presidente egiziano. “Questo è un Paese democratico, non può accettare chi ha ucciso 6 mila persone e ne ha detenuto 40 mila in carcere. Non lo vogliamo qui”, spiega una donna contraria alla sua visita.

La visita di Al Sisi nel Regno Unito ha come obiettivo quello di normalizzare i rapporti con Londra, molto freddi dopo la deposizione dell’ex presidente Mohamed Morsi, leader dei Fratelli musulmani, condannato a morte in primo grado.