ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Okinawa e il suo cibo che allunga la vita: assaggi di goya e di altre prelibatezze

Lettura in corso:

Okinawa e il suo cibo che allunga la vita: assaggi di goya e di altre prelibatezze

Dimensioni di testo Aa Aa

La serie di Postcards da Okinawa si conclude con delle cartoline sul suo cibo. La concentrazione di abitanti di oltre 100 anni è qui fra le più alte

La serie di Postcards da Okinawa si conclude con delle cartoline sul suo cibo. La concentrazione di abitanti di oltre 100 anni è qui fra le più alte al mondo e parte del segreto si dice che si nasconda nei piatti.

Il cibo della longevità in pillole

  • A Okinawa la concentrazione di abitanti al di sopra dei 100 anni è tra le più elevate al mondo
  • Il tradizionale cibo del posto è considerato uno dei segreti di tale longevità
  • A differenza di altre zone del Giappone, cibi come sushi e sashimi non occupano un ruolo importante nella dieta locale
  • Tra le verdure che i locali annoverano come “cibi della longevità” c‘è il goya, una sorta di melone amaro
  • Il goya è spesso utilizzato per una pietanza che si prepara in padella con tofu e carne di maiale

Ad assaggiarli per euronews, c‘è Seamus Kearney: inviato speciale a caccia di sapori (e miracoli?) in orti, mercati e cucine di ristoranti.

“La cucina è qui meno incentrata sul sushi che in altre parti del Giappone – ci dice da un orto, in cui crescono delle verdure simili a cetrioli, ricoperti di un manto di spunzoni -. Si mangiano più che altro maiale e verdure come questa: il celebre ‘goya’, una sorta di melone amaro”.

Goya, tofu e carne di maiale sono i re di tavola e menù nel ristorante di Emiko. Filo rosso dei suoi piatti sono i “cibi della longevità” di cui si nutrono molti degli ultra-centenari del villaggio di Ogimi.

“Ero affascinata da tutte queste verdure e avvertivo il bisogno cheanche le nuove generazioni imparassero a conoscerle – ci racconta, emozionata, Emiko -. Ho aperto questo ristorante per ‘mantenerle in vita’ e per assicurarmi che non finissero nel dimenticatoio”.

Nel salutare Okinawa e lasciamo che Emiko aiuti un suo amico (99enne!) nella raccolta di un piccolo agrume, che si ritiene favorisca la longevità.