ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Disastro aereo nel Sinai: attentato o guasto? La verità si cerca nelle scatole nere

La verità sul disastro dell’aereo civile russo precipitato nel Sinai si cerca nelle scatole nere, ritrovate in buone condizioni. Una commissione

Lettura in corso:

Disastro aereo nel Sinai: attentato o guasto? La verità si cerca nelle scatole nere

Dimensioni di testo Aa Aa

La verità sul disastro dell’aereo civile russo precipitato nel Sinai si cerca nelle scatole nere, ritrovate in buone condizioni. Una commissione internazionale di esperti egiziani, francesi e russi le sta analizzando al Cairo. L’airbus A-321 “è esploso in volo”, è questo l’unico punto fermo di un mistero sempre più fitto.

Atto terroristico o guasto tecnico: queste le due principali ipotesi al vaglio degli inquirenti che indagano sull’areo, decollato da Sharm el-Sheikh e diretto a San Pietroburgo con a bordo 224 persone, tutte morte. “Si è trattato di un fattore esterno”, secondo Alexander Smirnov, uno dei dirigenti della compagnia siberiana Kogalymavia che ha parlato delle perfette condizioni del mezzo escludendo la pista dell’Isil che avrebbe rivendicato l’attacco.

Un satellite americano ha rilevato un lampo di calore al momento dell’incidente. Ora si cerca di capire se si sia verificato in volo o sul terreno, questo dato potrebbe essere una prova di svolta nell’inchiesta. A San Pietroburgo è, intanto, arrivato il secondo aereo con i resti delle vittime.