ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni in Turchia: all'AKP di Erdogan la maggioranza assoluta

L’AKP vince le elezioni in Turchia. Il partito del presidente Erdoğan sfiora il 50% delle preferenze e ottiene la maggioranza assoluta dei seggi in

Lettura in corso:

Elezioni in Turchia: all'AKP di Erdogan la maggioranza assoluta

Dimensioni di testo Aa Aa

L’AKP vince le elezioni in Turchia. Il partito del presidente Erdoğan sfiora il 50% delle preferenze e ottiene la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento.

Il partito per la Giustizia e lo Sviluppo, conservatore e islamista, è dunque in grado di formare un governo monocolore e guidare il Paese per i prossimi quattro anni. Con 315 seggi su 550 non ha però la maggioranza necessaria a modificare la Costituzione turca.

Il partito laico e kemalista CHP di Kemal Kılıçdaroğlu ha ottenuto il 25,4% dei voti, confermando il risultato del 7 giugno scorso.

Supererano lo sbarramento del 10% anche l’MHP, il partito del Movimento Nazionalista, e i filo-curdi dell’HDP guidati da Selahattin Dermirtas. Entrambe le formazioni politiche hanno però perso molti consensi rispetto alla scorsa tornata elettorale.

Altissima l’affluenza alle urne: ha votato l’87,2% dei 54 milioni di aventi diritto.

Sulla scelta degli elettori ha pesato l’escalation di violenza nel Paese (soltanto venti giorni fa ad Ankara un attentato ha provocato oltre cento morti) e l’acutizzarsi della crisi in Siria.

L’AKP del Erdoğan, che guida ininterrottamente la Turchia dal 2002, aveva impostato la campagna elettorale sulla necessità di stabilità per il Paese.

Da Konya, il premier Davutoglu ha parlato di giorno della vittoria, poi ha lanciato un appello all’unità.

A Diyarbakir si sono registrati scontri tra polizia e militanti curdi che accusano l’AKP di pesanti brogli elettorali. I media locali riportano di incendi e barricate. Le forze dell’ordine hanno provato a disperdere i manifestanti con i gas lacrimogeni.