ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attacco a un hotel di Mogadiscio. Almeno 13 morti. Gli shabaab rivendicano

La struttura era frequentata soprattutto da giornalisti e parlamentari. Ore di combattimenti prima di aver ragione degli assalitori

Lettura in corso:

Attacco a un hotel di Mogadiscio. Almeno 13 morti. Gli shabaab rivendicano

Dimensioni di testo Aa Aa

Ci sono volute ore di combattimenti, perché la polizia avesse la meglio sul commando che domenica mattina ha attaccato un hotel della capitale somala Mogadiscio.

Point of view

"Stavo scattando delle foto quando un veicolo è saltato in aria. Con me c'era un collega giornalista che è morto"

Rivendicato dagli Shabaab, l’attacco ha fatto secondo la polizia almeno 13 morti, fra cui il proprietario dell’albergo, un parlamentare, un ex alto ufficiale dell’esercito, un giornalista e diversi civili.

Concordi testimonianze riferiscono di modalità utilizzate per entrare nel complesso, che ricalcano quelle in passato più volte adottate dal gruppo islamista, affiliato ad Al Qaeda.

“Ero sul luogo dell’esplosione a scattare delle fotografie, quando un veicolo carico d’esplosivo è saltato in aria – racconta un fotoreporter, presente al momento dell’attacco -. Mi sono ritrovato a terra e ho visto che ero ferito. Con me c’era un altro giornalista, che è rimasto ucciso”.

Il Ministro somalo per la sicurezza interiore ha riferito di “cinque uomini armati”, che una volta all’interno dell’Hotel Sahafi hanno aperto il fuoco. Un agente di polizia ha riferito alla stampa di cecchini appostato sul tetto.

Il fatto che l’hotel fosse frequentato soprattutto da giornalisti e parlamentari fa pensare a un cambio di passo nella strategia degli Shabaab per rovesciare il governo somalo, sostenuto dalla comunità internazionale. Negli ultimi mesi gli attacchi del gruppo islamista si erano orientati soprattutto contro missioni militari dell’Unione Africana e rappresentanze diplomatiche straniere.