ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Portogallo: neonato ma già moribondo.Il governo potrebbe non avere la fiducia in parlamento

Nasce moribondo il governo di Pedro Passos Coelho. L’esecutivo di centro destra formato dal premier Coelho non ha la maggioranza assoluta e

Lettura in corso:

Portogallo: neonato ma già moribondo.Il governo potrebbe non avere la fiducia in parlamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Nasce moribondo il governo di Pedro Passos Coelho. L’esecutivo di centro destra formato dal premier Coelho non ha la maggioranza assoluta e potrebbe non avere la fiducia in parlamento.

Il presidente Cavaco Silva ha giocato un ruolo decisivo, ha giustificato il mandato al premier di centrodestra dichiarando di essere rimasto nel solco della prassi politica, che vuole che sia il partito di maggioranza relativa a tentare di formare, comunque sia, un governo.

Deciso a chiudere il capitolo austerità per il Paese, il partito socialista, seconda formazione del Paese, si dice in grado di formare un esecutivo con la sinistra radicale, coalizione tanto inedita quanto rischiosa. Che comunque ha i numeri per governare.

Il presidente Cavaco Silva non ha preso in considerazione questa possibilità e è stato frotemente criticato dal leader dell’opposizione.

Facciamo cadere il governo, ha annunciato, Costa se applicherà il programma di austerità.

Sullo sfondo dell’instabilità politica si consuma il dramma economico e sociale del Portogallo il cui debito pubblico è pari al 129% del suo pil, il deficit ha superato la soglia del 7% mentre per quest’anno la crescita è stimata intorno all’1,6% .

Il Portogallo, paese sottotutela finanziaria fino al maggio del 2014, ha applicato la dura ricetta della troika per uscire dalla crisi, ottenendo risultati lusinghieri ma mettendo in ginocchio i cittadini.

Il 20% dei portoghesi vive al limite della soglia di povertà con poco più di 400 euro al mese, il fossato tra ricchi e poveri si è allargato.

Invertire la tendenza non è semplice ma necessario. A sottolineare che i portoghesi siano stanchi di sacrifici e austerità l’astensionismo da record, più del 43% degli elettori non ha votato.